Ecobot, il robot alimentato con rifiuti organici

Il 2012 segnerà una svolta nella vita dei robot. Al posto di energia eletrrica, idrogeno o benzina gli automi hanno eletto come loro cibo ideale gli escrementi. O meglio questo è ciò che hanno pensato i ricercatori del Bristol Robotics Laboratory durante lo sviluppo del loro Ecobot III.

Dopo dieci anni di ricerche e due prototipi poi accantonati, finalmente gli studiosi inglesi sono riusciti a mettere a punto delle celle a combustibile microbiche che trasformano deiezioni e rifiuti organici in energia in modo efficente. “EcoBot-III è un robot che raccoglie il suo cibo e lacqua dallambiente”, ha dichiarato lesperto di robotica Ioannis Ieropoulos, “Svolge il compito che abbiamo progettato per lui, e alla fine della giornata, si libera dei propri rifiuti”.

Limplicazione non è di poco conto. Una volta messa a punto su grande scala, la nuova tecnologia porterebbe le creature elettroniche allinterno della catena alimentare, giusto prima dei batteri.Continua dopo il videoNon è difficile immaginare dei robot spazzini che andranno in giro a raccogliere escrementi e scarti alimentari per svolgere poi altri compiti.

Dopotutto lo fanno anche oggi ma la differenza sarebbe che i robot non agirebbero più come degli schiavi al soldo del volere umano ma come degli esseri viventi che hanno bisogno di quel cibo “particolare” per nutrirsi.

Vedi il video

Fonte Ecobot, il robot alimentato con rifiuti organici – Wired.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *