Eclissi di sole del 20 marzo: si rischia il blackout fotovoltaico

eclissi soleArriva l’eclissi di sole e poterà con sè oltre alla solita bellezza della scienza forse anche qualche problemino di tipo elettrico. Sarà infatti a rischio l’approvvigionamento energetico dell’Europa, che ormai assorbe una considerevole parte da fonti rinnovabili fotovoltaiche. Per tale motivo Terna effettuerà un distacco di 24 di tutti gli impianti eolici e fotovoltaici con una potenza superiore a 100 kWp per evitare incidenti di natura elettrica. Si prevede, nel picco di oscurità dell’eclissi, una riduzione del 21% della produzione elettrica da fonti rinnovabili, con un rate di produzione in negativo che supererà addirittura i 400 Megawatt al minuto. In Italia sono installati attualmente circa 18 gigawatt di impianti fotovoltaici.
Per quanto riguarda invece il mondo scientifico c’è rande attesa per quello che viene definito uno degli eventi più belli del secolo. Sarà visibile anche dall’Italia. Appuntamento dunque per venerdi 20 marzo, ovviamente muniti di idonei occhialini da saldatore per evitare problemi alla vista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *