Wow: invenzione italiana per purificare le acque radioattive

acqua radioattivaDai ricercatori italiani arrivano nuove speranze per le acque contaminate da sostanze radioattive, come quelle intorno a Fukushima. Le sperazne arrivano da Adriano Marin e Massimo Oddone che, nei laboratori Arpav di Padova, dell’università di Pavia e del Cnr hanno progettato e realizzato WoW, Wonderful Water. Si tratta di uno speciale separatore molecolare ad unico stadio che riesce a trasformare acqua contaminata da liquami tossici e addirittura nucleari in acqua purissima. Non funziona a osmosi inversa e non ha bisogno di alcun filtro. Potrebbe diventare anche un metodo per purificare l’acqua presente nelle fogne e i rifiuti liquidi industriali in genere. Test si stanno svolgendo da diverso tempo a Saluggia, in provincia di Vercelli e precisamente in prossimità del deposito di scorie nucleari Avogadro. Da prove effettuate in laboratorio su acque opportunamente contaminate: il risultato è stato un abbattimento notevole della concentrazone di Cesio. Per ora è solo la prima fase di sperimentazione ma i risultati sono molto incoraggianti. Il processo alla base del funzionamento della macchina è un processo termo dinamico di evaporazione per separare il solvente dal soluto.
Curiosa la modalità con la quale gli ingegneri hanno avuto l’intuizione per realizzare la macchina: nel 2005 Marin realizzò nel proprio garage una macchina con l’obiettivo di rendere potabile l’acqua del Terzo Mondo. I risultati da subito andarono oltre le migliori previsioni e iniziò l’azzardo di provare con acque seriamente contaminate.
In attesa della fine della sperimentazione, speriamo che questa invenzione, tutta italiana, non sia commercializzata da aziende straniere, capaci poi di accaparrarsene tutto il merito. Per ora possiamo solo fare i complimenti agli inventori. Wow!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *