Scienza: scoperto M82 X-1, nuovo buco nero di taglia media

I buchi neri di ‘taglia media’ esistono eccome e sono stati svelati da lampi di luce a ritmo di bossa nova: ad accertarlo e’ stato un gruppo di astronomi dell’universita’ del Maryland. Per primo ha identificato uno di questi rari mostri cosmici ‘pesandolo’ in maniera ultra precisa grazie ai lampi di raggi X che lo hanno illuminato con un ritmo sincopato simile, appunto, a quello della bossa nova. Il buco nero in questione, descritto sulla rivista Nature, si chiama M82 X-1 e si trova a 12 milioni di anni luce da noi, nella galassia Messier 82. E’ dotato di una massa pari a 428 volte quella del Sole e viene considerato il capostipite di una famiglia di rari e misteriosi buchi neri di dimensioni intermedie (con una massa compresa tra i 10 e 10.000 Soli). Questi oggetti sono sparsi nell’universo come oasi nel deserto e sfuggono alle tradizionali tecniche di misurazione, tanto che la loro esistenza veniva messa in dubbio da molti esperti. Il coordinatore dello studio, Dheeraj R. Pasham, ha rielaborato i dati individuando in particolare due lampi di luce che appaiono in modo intermittente, rispettivamente 5 volte e 3 volte al secondo. Queste oscillazioni, spiegano i ricercatori, sono come due granelli di polvere incastrati nei solchi di un vinile che ruota sul giradischi: se venissero tradotte in musica, produrrebbero il ritmo sincopato della bossa nova. Per il momento, pero’, hanno consentito di misurare con una precisione senza precedenti la massa del buco nero: una tecnica innovativa, che finora era stata applicata solo ai buchi neri piu’ piccoli. L’esistenza di M82 X-1 era gia’ stata ipotizzata nel 1999, quando il telescopio Chandra della Nasa aveva registrato i raggi X emessi dalla materia che ruota intorno al buco nero prima di essere risucchiata al suo interno. Dal 2004 al 2010, poi, oltre 800 osservazioni effettuate con il telescopio orbitante Rossi (Rxte) hanno consentito di registrare e tracciare ogni singola particella di questi raggi X.

Fonte: meteoweb

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *