Scienza: in Perù scoperti nuovi geoglifi dell’800 a.C., più vecchi delle linee di Nazca

Sono stati scoperti in Perù alcuni geoglifi che sembrano essere più vecchi delle linee di Nazca, che detenevano il primato dei disegni più antichi impressi nel terreno dagli uomini. Il team di ricerca è stato coordinato da Charles Stanish, dell’università della California, dipartimento di antropologia. Lo studio è stato pubblicato su PNAS e dimostra come i nuovi geoglifi siano antecedenti alle linee di NAzca di almeno tre secoli. La scoperta, effettuata in Perù precisamente sulla costa meridionale, dimostra come i geoglifi risalgano ad un periodo databile tra l’800 a.C. e il 1000 a.C., detto tardo Paracas. Per la precisione, si tratta di 5 tumuli cerimoniali e 71 linee radiali. Gli studiosi, per determinanre la datazione, hanno scavato in tre dei cinque tumuli.In totale occupano una superficie di circa 40 chilometri quadrati e le linee terminano nella direzione del tramonto del solstizio del 21 giugno. Tutto ciò starebbe a significare che la popolazione presente nella valle Chincha avesse già solide conoscenze astronomiche.

Le linee di Nazca prendono il nome dall’omonimo altopiano, sito nel deserto presente nella parte meridionale del Perù, e furono scoperte nel lontano 1927 da un pilota peruviano che, sorvolando la zona, notò le linee sul terreno. Queste linee, più di 13mila, rappresentavano animali come una lucertola di 180 metri, un condor, un colibrì ed un ragno di circa 45 metri.

Per realizzarli, il popolo Nazca rimuoveva le pietre presenti generando un contrasto con il terreno sottostante per dare maggiore rilievo. Forse si aiutavano formando un reticolo sul terreno con apposite corde.

Di seguito alcuni dei geoglifi di Nazca con le relative spiegazioni (fonte:  http://mistero.xoom.it/virgiliowizard/le-linee-di-nazca )

IL RAGNO

Nazca, Ragno

Il primo geoglifo ad essere scoperto, il ragno è anche uno dei più famosi.

Apparentemente questa figura, dalla lunghezza di 45 metri, rappresenta un ragno “Ricinulei”, originario del cuore della foresta Amazzonica, che si trova a 1500 chilometri dall’altopiano. Questo insetto di piccole dimensioni, misura infatti solamente 6 millimetr, ha una caratteristica molto rara, avendo l’organo genitale separato dall’apparato riproduttivo. In questa specie di insetti sono i maschi a deporre le uova, mediante un’escrescenza appuntita che si trova sulla terza gamba. Il ragno di Nazca presenta questa strana caratteristica, ma c’è un mistero in questo. Tale escrescenza, nel Ricinulei, è visibile solamente mediante un microscopio, oggetto ovviamente non disponibile tra le popolazioni precolombiane.

LA SCIMMIA

Nazca, Scimmia

Questo geoglifo, scoperto da Maria Reiche nel 1954 e da essa ritenuto essere una rappresentazione dell’Orsa Maggiore secondo i creatori del geoglifo, rappresenta una scimmia con la coda a spirale, dalle ragguardevoli dimensioni di 135 metri.

La scimmia, tra i Maya, era considerata un animale divino, associato all’acqua.

 

L’ASTRONAUTA

Nazca, Astronauta

Questo geoglifo, lungo 30 metri, viene così chiamato a causa della curiosa forma della testa, simile ad un casco da astronatuta. Questa caratteristica l’ha resa una delle figure più famose.

Secondo Maria Reiche rappresenta uno sciamano o un sacerdote.

 

 

IL COLIBRI’

Nazca, Colibri

Questo stupendo geoglifo, lungo 94 metri e largo 66, rappresenta un colibrì.

Questi uccelli erano ritenuti messaggeri divini dalle antiche popolazioni della zona.

Delle altre vi lascio solamente una breve lista:

  • L’albero visibile dalla Torre Mirador, nelle vicinanze dell’autostrada Panamericana.
  • Le Ali / Le Conchiglie secondo l’interpretazione
  • L’alligatore purtroppo, questa figura è stata cancellata dall’incuria, ora ne rimangono solamente poche tracce
  • La Balena
  • Il Cane
  • Il Condor lungo 130 metri e largo 115.
  • L’Iguana
  • Il Lama
  • La Lucertola anche questa figura ha subito gravi danni, essendo stata tagliata in due dai lavori dell’autostrada Panamericana.
  • Le Mani anche queste visibile dalla Torre Mirador, ai bordi dell’autostrada Panamericana.
  • L’Orca Mitologica
  • Il Pappagallo
  • Il Pellicano un uccello enorme, lungo 300 metri e largo 54.
  • Il Serpente
  • La Spirale
  • La Stella

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *