Ricercatrice italiana scopre nuova forma geometrica, l’emielica e vince un premio di 400 mila dollari

E’ italiana la ricercatrice Katia Bertoldi, nota per avere scoperto una nuova forma geometrica: l’emielica. A fine mese compirà 36 anni e per ora ha una posizione di Assistant Professor ad Harvard. All’inizio dei suoi studi si dilettava ad aiutare il pdre litografo nella ricerca di figure sempre più innovative da stampare su carta. Ebbene ora, all’università di Harvard, può dare libero sfogo alla sua creatività tanto che, giocando con forme tridimensionali sempre più complesse, ha dato vita ad una nuova forma geometrica, sconosciuta fino ad ora.

Si tratta di un’elica molto particolare, battezzzata emi-elica (hemihelix), scoperta giocando con gli elastici. Lo studio, pubblicato su Plos One, ha riguardato eliche a spirale tridimensionali in cui la spirale gira e inverte la sua periodicità lungo tutta la struttura. Per ottenerla, la Bertoldi ha incollato due elastici polimerici di dversa misura, tirando il più corto per farlo diventare delle stesse dimensioni di quello più lungo.Rilasciandoli ci si aspettava di ottenere un’elica normale ed invece hanno creato l’emielica. Si tratta, in parole povere, di una specie di cavatappi che però cambia continuamente la propria curvatura. L’idea le è venuta da un gioco per bambini, il Twist-o. Soddisfatta del suo studio e della sua carriera universitaria e di ricerca, ritiene difficile un suo ritorno in Italia, visto che all’estero le hanno dato completa fiducia affidandole un intero gruppo di ricerca sostenuto anche economicamente con determinazione da tutto il mondo scientifico, indipendentemente dal risultato ottenuto.

Si pensa che tale scoperta potrà trovare applicazione in particolare nelle nanotecnologie, per costruire composti biologici o manipolare le onde magnetiche, un processo fondamentale per sviluppare apparecchi di uso medico.

d3ca8f1ca20a0f4b24f7541a5bd05d291-300x165

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *