8 Elettrodomestici Da Buttare Nelle Case Degli Italiani: Ecodom Spiega Perché Li Dimentichiamo In Garage

Nelle case di ogni famiglia italiana ci sono in media 8 elettrodomestici – tra grandi e piccoli – non funzionanti o non più in uso, per un totale di circa 200 milioni di pezzi. Un vero e proprio “tesoro” nascosto (e dimenticato) nei cassetti, in garage o in cantina.Per capire le ragioni di questo fenomeno e ricordare l’importanza del loro corretto trattamento, Ecodom – Consorzio Italiano Recupero e Riciclaggio Ettrodomestici – presenta l’iniziativa “Garage Story”.Disinteressati, razionali o emotivi: sono questi i principali atteggiamenti all’origine del fenomeno, individuati da un’indagine Doxa. Atteggiamenti che hanno dato origine a dieci “Garage story”, ritratte dal fotografo Mario Guerra e commentate in tre video-interviste da testimonial di eccezione: il Presidente della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati Ermete Realacci,la decoratrice e conduttrice tv Barbara Gulienetti e lo chef Renato Bernardi.

In casa, in cantina o in garage di ogni famiglia italiana ci sono in media 8 elettrodomestici – fra grandi e piccoli – non funzionanti o comunque non utilizzati, per un totale di circa 200 milioni di pezzi, quasi un quinto delle apparecchiature elettriche ed elettroniche possedute.

Al primo posto, tra i grandi elettrodomestici, troviamo i condizionatori portatili (il 32% non sono più in uso), seguiti da asciugatrici (21%) e da boiler elettrici (16%). Tra i piccoli, invece, sul podio le pianole (48%), seguite dai video registratori (43%) e dai monitor per il tubo catodico (38%). In cucina restano inutilizzate anche le friggitrici (32%), i macinacaffè (31%) e i tostapane (20%). Questi i principali risultati del “Rapporto di ricerca sulle abitudini di utilizzo e smaltimento delle apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) da parte dei consumatori italiani” commissionato nel 2012 da Ecodom – il primo Consorzio italiano nella gestione dei RAEE – a Ipsos.

A partire da questi dati, Ecodom ha deciso ora di indagare le motivazioni e gli atteggiamenti alla base di questo fenomeno attraverso l’iniziativa “Garage Story”,  presentata oggi, 13 novembre 2013, a Milano presso Dream Factory.

Nel corso dell’appuntamento saranno resi noti i risultati della ricerca, realizzata in collaborazione con la Doxa, che ci rivela perchè le famiglie italiane non si liberano dei propri elettrodomestici in disuso. Inoltre, per raccontare attraverso parole e immagini cosa si celi dietro questi dati, verranno presentate dieci “Garage story”, ritratte dal fotografo Mario Guerra. In conclusione, tre video-interviste con testimonial d’eccezione sul tema del corretto trattamento dei RAEE.

DISINTERESSATI, RAZIONALI O EMOTIVI? ECCO PERCHÉ NON CI LIBERIAMO DEI VECCHI ELETTRODOMESTICI

Dall’indagine Doxa, commissionata da Ecodom nell’ambito dell’iniziativa “Garage Story”, emergono dieci profili che tratteggiano gli atteggiamenti più comuni tra le famiglie italiane..

 

 

 

Al primo posto il filone dei “disinteressati” (circa il 31% del campione), di cui fanno parte anche i pigri e i disinformati, ovvero quelli del “come faccio a liberarmene”, “non saprei a chi rivolgermi”, “la prossima volta me ne libero”. Per loro portare la vecchia tv all’isola ecologica è una vera “mission impossible”: non trovano mai il tempo per farlo, oppure non hanno idea di dove andare o a chi rivolgersi e, tutto sommato, neanche sono interessati a saperlo. A questo identikit rispondono prevalentemente le famiglie over 50, con un livello di istruzione basso e che vivono soprattutto nel sud e nelle isole.

Al secondo posto troviamo “i razionali”, ovvero gli accumulatori, gli oculati e gli appassionati del fai-da-te (circa il 29%): per loro conservare il vecchio elettrodomestico è una scelta “ragionata”. Sono quelli del “non si sa mai, potrebbero sempre servire”, del “meglio uno di scorta, anche se non funziona”, del “magari un giorno potrei ripararlo”. Questi profili sono diffusi in tutte le fasce di età e ben ditribuiti sul territorio nazionale, con una lieve predominanza nelle regioni del centro.

Il terzo filone è costituito dagli “emotivi” (circa il 20% del campione) i quali non si liberano del vecchio elettrodomestico per una ragione tutta affettiva. Nostalgici o idealisti, sono quelli del “magari un giorno diventa un pezzo di design”, del “ci sono affezionato”, del “gli apparecchi di una volta non esistono più”. Fra loro, quasi tutti sono over 50.

A completare il quadro troviamo i polemici (circa l’11%), ovvero quelli del “per me è faticoso portarli all’isola ecologica, potrebbero venire a prenderseli”, e i diffidenti (circa il 9%), cioè quelli del “non sono convinto, chissà dove vanno a finire”. Tra i polemici prevalgono soprattutto gli under 35, mentre tra i diffidenti gli over 50.

Prendendo in considerazione la tipologia di apparecchiatura elettrica o elettronica, scopriamo che i piccoli elettrodomestici vengono conservati soprattutto per disinteresse: la motivazione che adduce il 12% degli intervistati è che lì dove sono non danno alcun fastidio”; seguiti da chi pensa che “potrebbero sempre servire”, (ovvero gli oculati, 12%) e da chi ritiene che “è meglio averne uno di scorta” (gli accumulatori, 11%).

Per i grandi elettrodomestici, invece, la motivazione principale è che lo smaltimento è un’operazione faticosa: nel 13% degli intervistati, infatti, emerge un atteggiamento polemico, seguito da chi se ne disinteressa (11%) e da “chi non trova mai il tempo di portarli all’isola ecologica” (10%).

 

RACCONTI, IMMAGINI E TESTIMONIANZE PER SCOPRIRE IL “TESORO” NASCOSTO NELLE NOSTRE CASE…

Dopo aver indagato le principali motivazioni che portano le famiglie italiane a non liberarsi dei propri RAEE, Ecodom ha interperatato creativamente i dieci profili emersi dall’indagine Doxa raccontando altrettante brevi storie, ritratte dagli scatti del fotografo Mario Guerra.

Ogni “Garage story” interpreta un profilo, approfondisce un atteggiamento, ne porta in evidenza contraddizioni ed errori, con l’obiettivo finale di ricordare quali siano invece i comportamenti giusti da adottare per un corretto recupero e riciclo dei RAEE (vedi focus n. 1).

A dare il proprio contributo all’iniziativa anche tre testimonial d’eccezione: il Presidente della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati Ermete Realacci, la decoratrice e conduttrice tv Barbara Gulienetti e lo chef Renato Bernardi. Tre appassionate video-interviste, in cui ogni testimonial ha lanciato il proprio messaggio per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema – sempre più importante – del riciclo delle apparecchiature elettriche ed elettroniche.

 

 

 

ma quanto “vale” il vecchio elettromestico di cui non RIUSCIAMO A disfaRCI?

Ogni apparecchiatura elettrica ed elettronica è una “miniera” di materiali: da un frigorifero, ad esempio, si ottengono fino a 28 kg di ferro, 6 kg di plastica e oltre 3 kg tra rame e alluminio.

E se da un solo frigorifero è possibile ricavare circa 40 kg di materie prime seconde, Ecodom, il primo Consorzio italiano nella gestione dei RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), nel corso del 2012 ne ha recuperate e reinserite nei processi produttivi ben 62.000 tonnellate: al primo posto il ferro (oltre 44.000 tonnellate), seguito da plastica (7.000 tonnellate), rame (2.000 tonnellate) e alluminio (1.700 tonnellate). L’utilizzo delle materie prime ottenute ha consentito, inoltre, un risparmio energetico di circa 272.215 Giga Joule, pari al consumo annuo della popolazione della città di Viterbo (66 mila persone).

 

I RAEE possono diventare risorse preziose se correttamente trattati – commenta Giorgio Arienti, Direttore Generale di Ecodome ciascuno di noi può svolgere un ruolo decisivo per valorizzare il ‘tesoro’ nascosto (e dimenticato) nelle nostre case. D’altra parte, se non ce ne liberiamo in modo non corretto, quegli stessi RAEE rappresentano un rischio per l’ambiente, in quanto contengono sostanze altamente inquinanti; motivo per cui la legge ne prevede la raccolta differenziata e il trattamento da parte di impianti specializzati. È dunque fondamentale – conclude il Direttore Generale di Ecodom – che aumenti la responsabilità individuale sul tema della raccolta e trattamento degli elettrodomestici a fine vita. Con soli 4 kg pro capite annui di RAEE  correttamente trattati, l’Italia si colloca oggi appena al 16° posto della graduatoria europea ed è lontanissima dagli obiettivi di raccolta stabiliti dalla nuova direttiva comunitaria sui RAEE, pari a circa 12 kg/abitante annui (il triplo degli attuali) a partire dal 2019”.

Comunicato stampa Ecodom

1 comment for “8 Elettrodomestici Da Buttare Nelle Case Degli Italiani: Ecodom Spiega Perché Li Dimentichiamo In Garage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *