Notte dei ricercatori 2013: tutti gli eventi più importanti

Come funziona un enzima? Come sta il nostro Pianeta? Quali sono le ultime news sull’Universo? Ecco alcune domande da giocarvi oggi, 27 settembre, se vi trovate in una delle 300 città che faranno da cornice alla Notte dei ricercatori, il più grande momento d’incontro tra il grande pubblico e i protagonisti dell’innovazione, della ricerca e dell’istruzione in tutta Europa.

Nata per iniziativa della Commissione europea, la manifestazione spegne quest’anno otto candeline, e come nelle edizioni precedenti vuole promuovere la diffusione della cultura scientifica coinvolgendo i cittadini sui temi più disparati del sapere. Teatri, musei e piazze si illumineranno a giorno e gli scienziati rimarranno svegli fino a tardi per accogliere scolaresche, famiglie e chiunque voglia partecipare nel curioso mondo della ricerca e del dibattito scientifico, in uno show interattivo fatto di spettacoli, mostre, conferenze  e veri e propri esperimenti all’aperto.

In Italia potrete giostrarvi tra otto progetti diversi, scegliendo tra le 31 città che hanno aderito l’iniziativa (ben sette in più rispetto all’anno scorso). Non sapete dove e come farvi bombardare di stimoli? Avete solo l’imbarazzo della scelta.

Il Planetario di Roma e la Città della scienza di Napoli accenderanno i riflettori sulla ricerca con Light 2013, che quest’anno focalizza sul tema “What’s up with science”“Che c’è di nuovo nella scienza”. Dai misteri sottomarini alle meraviglie di Artide e Antartide, passando attraverso le grandi catastrofi e l’energia del futuro, saranno gli stessi protagonisti della ricerca, all’interno della sezione InLab di entrambe le città, ad aggiornarvi sulle ultime novità. Per gli affezionati di arte e spettacolo invece, c’èOutLab, una rassegna di musica, teatro e danza che vi porterà per mano per le strade della matematica, della fisica e delle nanotecnologie.

In Lombardia, la Notte dei Ricercatori è  MeetMeTonight:  Milano,  Como,  Lecco,  Brescia,  PaviaLodi, Mantova, Monza e Varese tutte coinvolte in un maxi percorso che va dalla medicina (vuoi spiegare a tuo figlio cosa sono le staminali?) all’alimentazione (perché non inventarsi un sano gioco di ruolo col cibo?) e dall’ambiente (avete mai visto la fotosintesi da vicino?) all’energia. Attraversando nientepopodimeno che la creatività (ma solo se siete pronti a cambiare la vostra vita grazie a un muro).

Milano, in particolare, l’evento graviterà attorno a due poli: già dalla tarda mattinata ai Giardini Indro Montanelli; dalle 18.00 in poi al Museo nazionale Leonardo da Vinci con l’ Open Night, apertura straordinaria e ingresso gratuito per l’esplorazione ravvicinata delle frontiere dell’innovazione (che seguiremo con un live tweeting su @wireditalia). Nel programma, oltre 40 eventi: come si evolvono le nanotecnologie? Il futuro della chirurgia è in mano ai robot? Come si muovono le cellule? Ma anche rover marziani, la scienza in stile C.s.i. e i materiali più smart. E tante occasioni di metter le mani in pasta, giocando con i prototipi delle macchine di Leonardo, creando sostanze appiccicose o rimbalzine in un vero laboratorio di chimica e sì, anche facendo delle super-bolle di sapone (e studiandone la fisica guardandole direttamente dall’interno). I ricercatori saranno pronti e scattanti a guidarvi per le sale del museo, e alcuni di loro faranno vita parallela in Rete twittando assieme a noi con l’hashtag #opennight. Si tratta del nanotecnologo Luca Bettini, di Francesco Butera, che seguirà i laboratori interattivi dedicati ai materiali, di Beatrice Bortolozzo ( @2Bortolozzo), esperta di temi ambientali e di Giuseppe Testa, che fa ricerca sulle malattie genetiche per Telethon.

La notte del nord-est ruoterà attorno a Near, coinvolgendo TriesteUdinePadovaVenezia eVeronaTrieste inaugurerà così il TriesteNext, il salone europeo della ricerca scientifica, anticipando tutti già stasera con lo spettacolo Siamo Fatti di Stelle, un saluto a  Margherita Hack, da poco scomparsa. Da domani poi, il centro città sarà palcoscenico di Università e dei più grandi centri di ricerca della zona con dimostrazioni, giochi, sport (e un controllo antidoping d’eccezione). Nelprogramma di Udine invece troviamo scienza in cucina ( e nel vino), green design e l’ architettura del paesaggio, ma anche un’app per la visione artificiale, i mille usi del Kinect e un super-mouse per la navigazione in 3D. La Notte Padovanaon air per tutta la serata sulla Web radio universitariaRadioBlue.it, si articolerà in mini-laboratori, mini-conferenze e un sacco di  attività per i più piccoli. Si prevedono confusioni sonore, trucchi ripescati direttamente dal gioco d’azzardo, vedrete la statistica alla prova del palato e vi spiegheranno se l’orientamento sessuale si può intuire o meno dal tono della voce.

Il neonato Muse di Trento sarà la culla di Km0 Research, dove fino all’una di notte sarete a contatto con la “scienza a chilometro zero”. Si parlerà di controllo sul cervello, nanocanali di luce, danze di atomi, viaggi nella preistoria e anche di risparmio hi-tech. Perché lo sapete, vero, che la lotta contro lo spreco del cibo passa anche per lo smartphone?

L’ Istituto nazionale di fisica, in collaborazione all’ Istituto nazionale di fisica nucleare, promuove aBologna Origins 2013, una serata in live streaming, anche su Wired.it, per esplorare come si è evoluto l’Universo. Ci saranno Fabiola Gianotti, Joe Incandela e Peter Higgs a raccontare la scoperta del celebre bosone, Nazzareno Mandolesi, uno dei protagonisti della missione del satellite Planck e, in collegamento dalla Iss, il nostro astronauta Luca Parmitano. Partecipare è semplicissimo: trasmetteremo anche noi la diretta a partire dalle 18.30.

Si chiama invece Shine! la sezione toscana degli eventi della Notte dei Ricercatori, che vedrà impegnate11 città. Qui si spazierà dall’archeologia e la chimica del restauro alla robotica e la tecnologia dei droni. Ma saranno al centro del dibattito anche approccio open access, comunicazione e social media, modelli cognitivi, economia, ricerca antidoping e studio ravvicinato degli insetti.

Per gli appassionati di biodiversità e green economy, ma anche di videogiochi e realtà aumentata, la meta giusta è sicuramente il Piemonte. Tra TorinoCuneoVerbaniaAstiBiellaAlessandria vi ritroverete in Faces, un evento che punta a dare un volto umano alla ricerca e dedicato “a tutti quelli che non smetteranno mai di cercare”.

Frascati Scienza promuove quest’anno  Trail, un progetto condiviso tra Abruzzo, Lazio e Toscana che rappresenta il cuore della Settimana della Scienza, già in corso dallo scorso 21 settembre. Si parlerà di astrofisica, viaggi al centro della Terra, ma anche del ruolo della scienza nella società.

Infine, l’Umbria, che con Sharp riunisce PerugiaFolignoTerni sotto il segno delle passioni. Quella per le stelle, da consumare sotto alla cupola di un planetario. Quella per il futuro, alimentata dalle scienze di frontiera che hanno un forte impatto sulla nostra vita. Ma anche la passione per il gioco, dai mattoncini dei Lego alle più alte espressioni della robotica. Senza dimenticare quella per il cibo e il buon bere, con appuntamenti al pub per parlare della scienza della birra.

Fonte: daily.wired

1 comment for “Notte dei ricercatori 2013: tutti gli eventi più importanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *