SinorixTM H2O Gas, l’innovativa soluzione antincendio di Siemens per industria, beni artistici e culturali

• Acqua e gas regolati in base al tipo di applicazione
La Divisione Building Technologies di Siemens presenta la nuova soluzione di spegnimento automatico d’incendio in grado di variare dinamicamente il rapporto acqua-gas, Sinorix H2O Gas, che grazie ad un software di calcolo idraulico unico al mondo rapporta le quantità d’azoto e d’acqua necessarie ad estinguere completamente sia fuochi profondi che di superficie. In questo modo risulta la
soluzione ideale per un’ampia gamma di applicazioni che spazia dall’industria (trasformatori, generatori, turbine, locali macchine, depositi liquidi infiammabili) agli edifici storici e ai beni culturali, in particolare musei, archivi e librerie, in cui l’inestimabile valore dei beni risulta protetto anche dai danni provocati dall’acqua, come avviene nei sistemi water-mist tradizionali.
Primo e unico sistema misto acqua-gas al mondo certificato VdS, Sinorix H2O Gas crea una miscela di fluidi che, grazie a predefiniti coefficienti termodinamici calcolati dal software idraulico, converge in forma bifasica gas-liquido fino all’ugello generando una nebbia di gocce atomizzate che spegne l’incendio tramite la riduzione di ossigeno (gas) e grazie ad un effetto supplementare di raffreddamento togliendo energia al processo esotermico (liquido). La perfetta miscela di gas e acqua offre una doppia protezione e permette lo spegnimento totale degli incendi con l’eliminazione della possibilità di reinnesco.
Siemens, grazie alla proficua collaborazione con Gastec Vesta, società italiana attiva nel settore medicale e di gas estinguenti che distribuisce i prodotti Siemens utilizzati nei sistemi automatici di spegnimento incendi, garantisce un’applicazione sicura della soluzione in ambienti quali archivi, biblioteche, musei e in tutti quei luoghi chiusi nei quali è di estrema importanza salvaguardare i beni culturali ed artistici. “Oltre alle applicazioni classiche, il nuovo sistema riveste un elevato rilievo, in un Paese come il nostro, ricco di musei e con un vasto patrimonio artistico e culturale, poter garantire la salvaguardia della nostra storia e delle nostre ricchezze: il nuovo sistema Sinorix H2O Gas fornisce la possibilità di evitare i danni che grandi quantità d’acqua possono causare ad opere di inestimabile valore come libri ed oggetti antichi ed aumenta l’efficacia del gas”, afferma Stefano Valdrighi, Responsabile mondiale Vendite e Business Development di Siemens Fire Extinguishing.
Il nuovo Sinorix H2O Gas minimizza i danni secondari con la propria tecnologia di irrorazione fine, che richiede solamente 30 – 80 litri di acqua ogni 100 metri cubi di volume di spazio. L’acqua nebulizzata inoltre, riduce i fumi tossici presenti nell’aria, offrendo una protezione supplementare per la salute delle persone ed evitando i danni materiali provocati dal fumo. L’acqua irrorata a ∅ 10 – 50 μm raffredda rapidamente i materiali al di sotto delle proprie temperature di combustione ed evaporando rimuove ulteriore ossigeno oltre a quello rimpiazzato dalla scarica di azoto. Né l’azoto né l’acqua presentano rischi per la salute o l’ambiente e non
generano prodotti nocivi di reazione durante il processo di spegnimento; di conseguenza è possibile ventilare facilmente la zona di spegnimento utilizzando impianti di ventilazione o aprendo le finestre.
“Grazie al nuovo approccio, sarà possibile fornire una soluzione unica ed innovativa, secondo uno standard di spegnimento finora non disponibile per le tecnologie ad acqua nebulizzata consentendo ai clienti di potersi dedicare al loro core business in piena sicurezza”, afferma Giancarlo Bianchi, General Manager di Gastec Vesta.

La presentazione del nuovo Sinorix H2O Gas, promossa da Pr.o.Fire, associazione che si prefigge di fornire un costante e sistematico aggiornamento destinato al mondo dei tecnici professionisti con la collaborazione dei funzionari del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, si svolge oggi 8 maggio, presso il comando provinciale dei VV.FF di Milano, e prevede anche una sessione demo, durante la
quale sarà possibile visionare prove pratiche di spegnimento, apprezzando le caratteristiche essenziali e le capacità innovative della nuova soluzione Siemens.
Contatti per i giornalisti:
Business Press
Silvia Sala, Cristiana Rovelli, tel: +39 02 725 85 1
e-mail: siemens@bpress.it
Le immagini sono disponibili sul sito www.siemens.it/press
Seguici su Twitter: www.twitter.com/Siemens_stampa
Siemens è una multinazionale che opera nei settori dell’industria, dell’energia e della sanità, fornendo, inoltre, soluzioni all’avanguardia per le infrastrutture delle città e delle aree metropolitane. Distinguendosi da oltre 165 anni per innovazione, qualità, affidabilità, eccellenza tecnologica, Siemens è il più importante fornitore a livello globale di tecnologie ecosostenibili, grazie alle quali ha generato il 40% del proprio fatturato totale. Con circa 370.000 collaboratori, l’azienda ha chiuso il 30 settembre l’esercizio fiscale 2011/2012 con un fatturato di 78,3 miliardi di Euro e un utile netto di 5,2 miliardi di Euro. In Italia, Siemens, che conta su oltre 4.800 collaboratori, ha chiuso l’esercizio 2011/2012 con un fatturato di 2,1 miliardi di Euro e ordini per 2 miliardi di Euro. Tra le maggiori realtà industriali attive nel nostro Paese, Siemens possiede stabilimenti produttivi e centri di competenza e ricerca & sviluppo di eccellenza mondiale. www.siemens.it
Il Settore Infrastructure & Cities è fornitore mondiale di tecnologie sostenibili per le aree metropolitane e per le loro infrastrutture. Il Settore, con circa 90.000 collaboratori, offre soluzioni per la mobilità integrata, soluzioni complete per i trasporti ferroviari, per la distribuzione efficiente dell’energia, tecnologie per gli edifici e per la sicurezza, applicazioni smart grid e prodotti di bassa e media tensione. Infrastructure & Cities comprende le Divisioni Building Technologies, Low and Medium Voltage, Mobility and Logistics, Rail Systems and Smart Grid. www.siemens.it/infrastructure-cities

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *