RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA AL COMPLESSO OSPEDALIERO SANTO STEFANO

Completato a Porto Potenza Picena (Macerata) l’intervento all’impianto per la produzione di calore affidato a CAT IMPIANTI Srl di Jesi.

 

È stato completato l’intervento di riqualificazione energetica dell’impianto per la produzione di calore a servizio del complesso ospedaliero Santo Stefano di Porto Potenza Picena (Macerata), affidato alla ditta Cat Impianti srl di Jesi (An).

L’intervento è consistito nella realizzazione di un’unica centrale termica, con il passaggio dal gasolio ed olio nero al gas metano oltre all’installazione di un cogeneratore capace di produrre contemporaneamente sia energia termica che energia elettrica.

 

“Negli ultimi anni la proprietà ha prestato molta attenzione all’uso razionale dell’energia e gli edifici dell’Istituto sono stati oggetto di interventi di ristrutturazione edile ed impiantistica che hanno riguardato migliorie dell’involucro edilizio e degli impianti interni, affidando gran parte di quest’ultimi a CAT IMPIANTI Srl – spiega Mirko Panzarea, amministratore della ditta di Jesi –. Ora questo nuovo intervento, che abbiamo realizzato con la consulenza e progettazione dello Studio Fluproject di Perugia, consentirà un risparmio annuo sui costi di acquisto del combustibile e di manutenzione di circa 235mila euro all’anno, con un ritorno dell’investimento iniziale pari a circa 850mila euro in poco più di tre anni. Dalle valutazioni sui combustibili utilizzati è importante sottolineare anche la riduzione di emissioni inquinanti di CO2 in atmosfera di circa il 50%.”

 

Il complesso ospedaliero interessato dall’intervento è la sede storica della Santo Stefano Riabilitazione (Gruppo Kos), si sviluppa su di una area di base di circa 35mila mq e dispone di numerosi servizi diagnostici e di circa 450 posti letti, suddivisi in quattro padiglioni principali (A, B, C / D, E).

L’appalto affidato alla CAT IMPIANTI Srl consisteva in un global service caratterizzato, oltre che dalle opere meccaniche-impiantistiche di seguito descritte, anche delle opere edili di costruzione dei locali tecnologici e di impiantistica elettrica a servizio della nuova centrale.

La nuova centrale termica è stata realizzata con quattro moduli termici a condensazione alimentati a gas metano, in grado di modulare la potenza termica erogata dal valore minimo di 65 kW al valore massimo di 1720 kW. L’acqua calda prodotta dalla nuova centrale viene distribuita con elettropompe di circolazione a portata variabile regolate da inverter e attraverso tubazioni interrate per teleriscaldamento viene distribuita fino ai locali tecnici dei padiglioni, in precedenza adibiti a centrali termiche e ora destinate a sottocentrali. In ogni sottocentrale sono stati installati due scambiatori a piastre attraverso i quali l’energia termica viene trasferita ai padiglioni.

La centrale termica è stata anche dotata di un cogeneratore alimentato a gas metano in grado di fornire contemporaneamente una potenza termica di 207 kWt e una potenza elettrica di 140 kWe.

Il cogeneratore sarà fatto funzionare in base al carico termico del complesso ospedaliero.

Tutto l’impianto è gestito e controllato da un sistema di supervisione che consente, anche a distanza, di comandare e modificare il funzionamento, e visionare eventuali anomalie.

Oltre a quella termica, sono state realizzate tre nuove centrali a servizio dell’intero complesso: la centrale idrica, la centrale antincendio e la centrale gas medicali; è stata inoltre realizzata la trasformazione della centrale a vapore a servizio delle cucine da gasolio a gas metano, con n.2 bruciatori modulanti di potenzialità pari a 1200 kW a bassa impatto ambientale.

 

———————————————————–

Santo Stefano Riabilitazione appartiene a Kos, un grande Gruppo della sanità privata che opera in particolare nell’area dell’assistenza agli anziani e della riabilitazione. Kos vanta al suo attivo, oltre alle Residenze per anziani: 7 reparti di diagnostica per immagini ad alta tecnologia, 10 strutture di riabilitazione ospedaliere, 9 comunità di riabilitazione psichiatrica, 13 centri ambulatoriali e un presidio ospedaliero, per un totale di oltre 5.000 posti letto.

La struttura della Santo Stefano Riabilitazione conta otto centri di riabilitazione di primo livello e quattro residenze sanitarie e riabilitative, oltre a numerosi centri ambulatoriali nelle Marche, il tutto a capo dell’A.D. Dott. E. Brizioli.

 

Cat Impianti è un’azienda attiva nel settore degli impianti termoidraulici ed elettrici oltre ad essere specializzata nelle nuove tecnologie di risparmio energetico. Nata 35 anni fa a Jesi (AN) realizza impianti industriali,complessi residenziali,commerciali e civili tra i quali ospedali, palasport e centri commerciali. Tra i suoi clienti annovera imprese del calibro di Indesit Company, New Holland, Edison Energia, Barilla, Gruppo Pieralisi,Siviglia, Geodist Zust Ambrosetti, UBI Banca, Istituto Santo Stefano,Banca Marche, Agenzia delle Entrate e Poste Italiane.

Ulteriori informazioni su www.catimpianti.it.

 

 

Moretti Comunicazione

Sergio Moretti / Isabella Tombolini

sergio@alceomoretti.it / isabella.tombolini@alceomoretti.it

 

 

SCHEDA TECNICA

 

 

Tabella di confronto

costi di esercizio

 

 

Prima dell’intervento

Centrali Termiche

BTZ

 

 

Dopo l’intervento

centrale termica

gas metano

Q.tà combustibile 371.283 kg BTZ 309.957 mc CH4
Costo Combustibile 1,116 € /kg 0,75 € /mc
Costi di esercizio (combustibile) 430.688,22 € 232.467,75 €
Costi di esercizio (manutenzione) 50.000,00 € 12.000,00 €
Totale costi di esercizio 480.688,22 € 244.467,15 €
Risparmio annuo   236.220,47 €
     
Emissione CO2 1.143.498 kg 590.806 kg
Riduzione emissione CO2   552.691 kg

 

Tab. 1 – Risparmio annuo costi di esercizio e riduzione emissione CO2 in atmosfera

 

Per la stima dei consumi di combustibile abbiamo utilizzato i seguenti dati:

  • PCI BTZ= Potere calorifico inferiore del BTZ = 11,39 kWh/kg
  • PCI CH4= Potere calorifico inferiore del metano=9,54 kWh/mc
  • rendimento di produzione medio stagionale delle caldaie a BTZ pari al 65% (caldaie ormai obsolete)
  • rendimento di produzione medio stagionale delle caldaie a metano pari al 93%

 

Per la stima delle emissioni di CO2 abbiamo utilizzato i seguenti dati:

  • Gas metano –  0,1998 kg CO2 / kWh
  • BTZ = 0,2704 kg CO2 / kWh

 

 

Committente: Santo Stefano Riabilitazione

Luogo di Installazione: Istituto di Riabilitazione Santo Stefano

via Aprutina, 194 – 62016 Porto Potenza Picena (MC)

 

Impresa esecutrice Global contract

CAT IMPIANTI Srl

Via Ancona 43

Jesi ANCONA

 

Progettazione opere edili

Santarelli & Partners

Via A. Novello, 9 – 60035 JESI (AN)

 

Progettazione Impianti

FLU.PROJECT Studio Associato

Via della Madonna Alta, 138/A – 06128 Perugia

Per. Ind. Marco Braccalenti: impianti meccanici

Ing. Marco Valigi: impianti elettrici

 

 

Componenti principali:

Caldaie a condensazione: De Dietrich ( 2 caldaie C 610 – 860 Eco)

Elettropompe di circolazione: Grundfoss

Valvole, filtri e giunti: KSB

Scambiatori a piastre: Alfa Laval

Regolazione: Honeywell

Cogeneratore: Tedom

Quadri Elettrici:ABB

Gruppo antincendio:Grundfoss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *