Benessere visivo: la sfida delle nuove tecnologie

1 italiano su 3 accusa problemi di vista durante la lettura e in ufficio: è quanto emerge da una recente ricerca internazionale condotta dall’istituto YouGov con il contributo incondizionato del Gruppo Carl Zeiss. Per garantire quindi il massimo comfort nella visione fino a 1 metro ZEISS  lancia le Officelens “Book”, create proprio per la distanza di lettura
Milano, 18 marzo 2012 – Secondo una ricerca internazionale1 realizzata dall’Istituto YouGov2, con il contributo incondizionato del Gruppo Carl Zeiss, leader mondiale nel settore ottico e optoelettronico, il 34% degli italiani, circa 20 milioni di persone, dichiara di avere problemi nella lettura in generale (libri, riviste, giornali), mentre il 32%, circa 19 milioni di italiani, dichiara di avere difficoltà nella vista mentre lavora in ufficio e/o davanti allo schermo del PC.
Analizzando il dato riferito a coloro i quali hanno problemi durante la lettura emerge che il 16% degli intervistati considera la propria capacità visiva discreta, il 14% meno che soddisfacente e il 4% del tutto insoddisfacente.
Per quanto riguarda invece le difficoltà riscontrate in ufficio e davanti al PC il 18% del campione considera la propria capacità visiva discreta, il 12% meno che soddisfacente e il 2% del tutto insoddisfacente.
Il progresso tecnologico impone grandi cambiamenti nella vita quotidiana, coinvolgendo anche attività tradizionali come la lettura. Che ci si trovi sul posto di lavoro, seduti ad una panchina di un parco o comodamente adagiati sulla poltrona di casa le possibilità di utilizzare un pc portatile, un tablet o uno smartphone sono molto alte. La lettura è un’attività che spesso può richiedere uno sforzo
maggiore, costringendo ad esempio a un cambio di occhiali, e può portare a stanchezza visiva e affaticamento degli occhi. Se poi consideriamo le posture errate assunte durante l’utilizzo del pc, soprattutto in ufficio, ci rendiamo conto che ad essere compromesso non sarà solo il benessere visivo ma anche il benessere fisico dal momento che posture non corrette causano stress e dolori, come cefalee, mal di collo e mal di schiena. Le lenti da lettura tradizionali vincolano il campo visivo ad un’area ridotta e che difficilmente supera i 30/40 cm.
Soluzioni più performanti, come le nuove lenti per ufficio di ZEISS, consentono di ampliare il campo visivo con una visione nitida da 1 metro e fino a 4 metri.

 

1 Ricerca realizzata nel 2011in 5 Paesi (Italia, Germania, USA, Brasile e Cina) condotta su un campione di 1.005 individui
2 Società di ricerca internazionale con sede a Londra

ZEISS viene incontro alle esigenze dei portatori di lenti e alla loro necessità di avere soluzioni visive valide per la lettura lanciando la versione “Book” delle Officelens, specifiche per la visione nella distanza di lettura fino ad 1 metro, che si aggiunge alle altre versioni presenti.
Le lenti Officelens ZEISS sono disponibili con 4 diverse possibilità di M.I.D. (Maximum Intermediate Distance – Massima Distanza Intermedia), cioè quel valore che definisce esattamente la distanza fin dove il portatore di lenti necessita di una visione chiara e nitida: “Near” per una visione ottimale fino a 2 metri, “Room” per offrire una visione perfetta fino a 4 metri, “Individual” con un
campo visivo personalizzato, e le nuove “Book” ideali per leggere e lavorare al PC. Le Officelens Book garantiscono un ampio raggio di visione rispetto ai tradizionali occhiali da lettura che nascono per assicurare un campo visivo che va dai 40 ai 60 cm.

Approfondimento: contenuti di servizio
Vuoi scoprire come allungare la vita degli occhiali?
Quali sono gli strumenti più adatti per la pulizia degli occhiali?
Cosa fare per evitare danni alle lenti e alla montatura?
Le risposte a queste domande sono nella prossima scheda “COME PULIRE LE LENTI OFTALMICHE E PRENDERSI CURA DEI PROPRI OCCHIALI”. Si tratta dei consigli degli esperti ZEISS per prendersi cura delle lenti oftalmiche e degli occhiali.

Trattali bene per vederci meglio!
I consigli degli esperti ZEISS per prendersi cura delle proprie lenti oftalmiche… e degli occhiali
La tecnologia ha fatto notevoli passi in avanti nella realizzazione di lenti oftalmiche, dando la possibilità di correggere i propri difetti visivi con il supporto di occhiali di ogni genere, rotondi, rettangolari, allungati ecc. Ma nonostante la realizzazione di supporti per le lenti sempre più particolari e alla moda gli occhiali continuano ad essere un oggetto trascurato un po’ da tutti. Alla pulizia delle lenti, ad esempio, non viene data la giusta importanza dal momento che si utilizza, per questa operazione, il primo oggetto che abbiamo a portata di mano. Per non parlare poi dei luoghi in cui ogni giorno vengono posti e dimenticati gli occhiali, rischiando di esporli a temperature troppo alte o basse, alla curiosità dei bambini o alla voglia di giocare degli animali domestici.
Come prendersi cura delle proprie lenti oftalmiche. I consigli degli esperti ZEISS

Abbiamo chiesto un parere a chi, da oltre 100 anni, si dedica alla realizzazione di lenti oftalmiche, ovvero gli esperti ZEISS, azienda leader nel settore ottico e optoelettronico. Il loro compito è quello di garantire ai portatori di occhiali il massimo comfort e  benessere visivo, nonché il massimo della protezione dai raggi UV. E affinché ciò sia possibile è necessario che le lenti siano curate anche da chi le indossa.
Non bisogna dimenticare infatti che i graffi presenti sulle lenti non possono essere rimossi e rappresentano un problema per la vista dal momento che la luce si diffonde attraverso i sottilissimi solchi del graffio irritando gli occhi.
Inoltre, per una cura ottimale degli occhiali, gli esperti ZEISS raccomandano di recarsi dal proprio ottico ogni sei mesi per far eseguire un controllo a immersione con ultrasuoni: richiede solo pochi minuti e fa tornare lenti e montatura come nuovi.
Ecco quindi alcuni preziosi consigli degli esperti ZEISS su come pulire e utilizzare correttamente i propri occhiali per un comfort  visivo migliore3:

3 Materiale redatto con la consulenza degli esperti ZEISS

 

“COME PULIRE LE LENTI OFTALMICHE E PRENDERSI CURA DEI PROPRI OCCHIALI” A CURA DEGLI ESPERTI ZEISS
Pulizia: cosa fare
1. utilizzare panni in microfibra che rimuovono l’unto e l’umidità senza danneggiare le lenti o lasciare impronte (pulizia a secco)
2. in alternativa ai panni in microfibra è possibile usare prodotti appositi per la cura giornaliera degli occhiali come gli spray e le salviettine: puliscono le lenti in modo accurato e completo e hanno un effetto antistatico che aiuta gli occhiali a restare puliti più a lungo.
È possibile quindi utilizzare soluzioni di pulizia ad hoc, come le salviettine detergenti o lo spray Zeiss, in grado di pulire  delicatamente le superfici delicate (non contengono agenti aggressivi che alla lunga possono danneggiare le lenti, puliscono in profondità e sono stati considerati dall’istituto internazionale COLT4 più performanti di altre soluzioni presenti sul mercato)

3. se le lenti sono molto sporche è opportuno lavarle sotto l’acqua corrente (magari tiepida) per rimuovere polvere e detriti. Possiamo aggiungere all’acqua un detersivo per i piatti a pH neutro. Infine asciugare con cura le lenti con un panno in microfibra
4. lavare i panni in microfibra a temperature che non superano i 40° e senza l’ammorbidente perché potrebbe far perdere al panno dei filamenti nelle occasioni successive di utilizzo

Pulizia: cosa non fare
1. evitare l’utilizzo di fazzolettini di carta perché raccolgono i detriti della lente e la graffiano mentre la puliamo, consumandola e causando graffi più profondi
2. evitare anche i saponi oleosi perché possono causare depositi oleosi sulle lenti creando fastidiose macchie
3. evitare infine gli oggetti più comunemente utilizzati come i capi di abbigliamento perché il pericolo di causare graffi sulle lenti è molto elevato a causa di detriti presenti su magliette, felpe, sciarpe, camicie, cravatte, ecc.
4. Esistono oggi trattamenti superficiali applicati alle lenti in fase di produzione – come i trattamenti antiriflesso di ultima generazione Zeiss – che oltre a migliorare la qualità visiva grazie alle proprietà antiriflesso, rendono le lenti più resistenti e più facili da pulire
Prendersi cura degli occhiali:
1. non esporre gli occhiali a temperature elevate, troppo calde e troppo fredde (es. termosifone, sauna, sul cruscotto dell’auto al sole estivo e al freddo dell’inverno) perché è possibile danneggiare le lenti e le montature
2. non esporre gli occhiali a variazioni notevoli di temperatura perché possono causare rotture della lente
3. non poggiare gli occhiali sul fronte delle lenti
4. chiudere bene le aste e sistemare gli occhiali in modo tale che poggino sulla montatura
5. riporre gli occhiali in una custodia adatta nel caso in cui non vengano indossati per lungo tempo
4 Laboratorio internazionale leader nelle verifiche di qualità nel settore ottico

Carl Zeiss
Il Gruppo Carl Zeiss è leader internazionale nel settore ottico ed optoelettronico. I circa 24.000 collaboratori hanno realizzato un fatturato di 4,2 miliardi di euro nell’esercizio 2011/12. Da oltre 160 anni, Carl Zeiss contribuisce al progresso tecnologico mondiale nei settori Industrial Solutions (soluzioni industriali), Research Solutions (soluzioni di ricerca), Medical Technology (tecnologia medicale) e Consumer Optics (ottica per il tempo libero) e migliora la qualità della vita di molte persone. Il gruppo sviluppa e realizza planetari, lenti per occhiali, obiettivi fotografici e binocoli nonché soluzioni per la ricerca biomedica, la tecnica medica, l’industria dei semiconduttori, automobilistica e della costruzione di macchine. Carl Zeiss è presente in oltre 40 paesi del mondo con circa 40 sedi di produzione e oltre 50 sedi di assistenza e distribuzione nonché circa 20 centri di ricerca e sviluppo. Carl Zeiss AG è al 100 percento proprietà della Fondazione Carl Zeiss. La sede dell’azienda fondata nel 1846 a Jena è Oberkochen.
Vision Care (Divisione Oftalmica)
La Divisione Vision Care di Carl Zeiss coniuga, in qualità di unico produttore, competenze e soluzioni oftalmiche con un marchio
internazionale. La divisione sviluppa e produce strumenti e offerte tecnologicamente eccellenti per l’intera catena di valore dell’Oftalmica.
Con circa 9.500 collaboratori la divisione costituisce uno dei fornitori leader mondiali di lenti per occhiali e, nell’esercizio 2011/2012, ha realizzato un fatturato di 860 milioni di euro. La divisione Vision Care viene rappresentata dalla Carl Zeiss Vision International GmbH.
L’amministrazione si compone di Dr. Raymund Heinen (CEO), Manfred Klingel (COO), Ulrich Krauss (CSO) e Hanspeter Mürle (CFO).

 

Per informazioni:
Ufficio stampa Ketchum PR
Silvana Visentini,  mail silvana.visentini@ketchum.com
Michele Grieco, mail michele.grieco@ketchum.com
Elisa Sardo,  mail elisa.sardo@ketchum.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *