Nuovo stabilimento Hörmann negli Stati Uniti

Per una produzione di portoni a scorrimento rapido più efficiente e veloce

Negli Stati Uniti, a Burgettstown, vicino a Pittsburgh, Hörmann ha avviato la costruzione di un nuovo stabilimento di cui Christoph Hörmann, socio accomandatario del gruppo, ha già posto la prima pietra simbolica. Con il nuovo “Starpointe Business Park” in Pennsylvania, Hörmann dà così un ulteriore impulso alla sua crescita negli Stati Uniti.


È prevista per il prossimo autunno l’inaugurazione della nuova sede produttiva Hörmann, uno stabilimento di 6.300 metri quadrati di superficie nel quale l’azienda investirà entro la fine del prossimo anno ben sette milioni di euro. Nella nuova sede verrà trasferita tutta la produzione che attualmente si svolge nello stabilimento di Leetsdale, situato a circa 40 chilometri di distanza e decisamente più piccolo.

“Con questo investimento, vogliamo superare la già notevole crescita degli anni scorsi”, ha affermato Christoph Hörmann durante la cerimonia di inaugurazione del cantiere. “In virtù dei trend positivi che ci hanno visti protagonisti lo scorso anno negli Stati Uniti, il vecchio stabilimento si è rivelato inadeguato sia dal punto di vista produttivo, sia dal punto di vista logistico. Il nuovo capannone consente una completa riorganizzazione della produzione, che diverrà ancor più veloce ed efficiente”, ha aggiunto il signor Hörmann. “Nei prossimi anni vogliamo continuare a crescere. E vogliamo essere prepatrati”.

 

 

L’inizio dei lavori acquista un significato particolare non solo per Hörmann, ma anche per il governatore della Pennsylvania, Tomm Corbett, secondo cui l’investimento dell’azienda tedesca è segno dei vantaggi offerti dal suo Stato Federale. “Oggi comincia una nuova era per il Sudovest della Pennsylvania”, ha dichiarato il governatore repubblicano nel suo discorso durante la cerimonia di inaugurazione. “è il segno che ci stiamo aprendo all’economia mondiale”, ha affermato Corbett.

Hörmann produce e distribuisce portoni sezionali industriali, motorizzazioni per uso privato e portoni sezionali da garage. Nel 2007 il gruppo tedesco ha acquistato anche la maggioranza di Flexon, produttore americano di portoni a scorrimento rapido, e da allora li produce e distribuisce in tutti gli Stati Uniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *