Ecosostenibilità: arrivano gli asfalti ecologici

Fonte: architetturaecosostenibile.it Si tratta di innovative miscele bituminose mixate con sostanze di varia natura che donano loro la caratteristica di sostenibilità.

 

L’ASFALTO CON MISCELA DI PLASTICA RICICLATA

La città di Vancouver, ha sviluppato un nuovo mix caldo che ha aperto la strada alla sperimentazione di innovativi materiali da utilizzare per i manti stradali che, oltre ad essere meno impattanti sull’ambiente, abbiano il vantaggio di prevedere processi di realizzazione assai meno inquinanti del comune asfalto.

L’innovativo metodo per asfaltare le strade in maniera ecologica riduce l’effetto serra e migliora la qualità dell’aria, portando la città sempre più prossima al traguardo di città più verde del mondo.
Da cosa è composta la nuova miscela: La procedura di mixaggio a freddo dei componenti consente di non immettere nell’aria i comuni fumi dovuti alla preparazione a caldo dell’asfalto; infatti l’asfalto ecologico è composto in parte da asfalto tradizionale a cui viene aggiunta una sostanza collante ottenuta da plastica riciclata la cui caratteristica adesiva serve a mantenere il bitume.

 

IL POLYMIX

Nella provincia di Madrid, è partita la sperimentazione di uno speciale asfalto, chiamato Polymix, composto da pneumatici e rifiuti in plastica riciclati, su un tratto di una strada provinciale che conta giornalmente il passaggio di oltre 40.000 veicoli.
L’innovativo materiale con il quale è stato realizzato il manto stradale è il risultato di un lavoro di ricerca che ha lo scopo di sviluppare nuovi materiali da costruzione ottenuti riciclando prodotti già utilizzati.
Come è fatto il Polymix?: Il Polymix è un materiale altamente sostenibile: l’asfalto sviluppato utilizza detriti che sono destinati a finire  in discariche di vario genere. I vantaggi offerti dal Polymix nelle infrastrutture stradali, sono quelli di ridurre il consumo dello stesso materiale con un notevole risparmio in termini di costi.

L’ASFALTO SENZA BITUME SPERIMENTATO NEGLI USA

Dagli USA arriva un nuovo modo di fare l’asfaltatura delle strade rispettando l’ambiente, con un metodo, già noto in Africa ed India da circa vent’anni. La miscela del nuovo asfalto prevede materiali riciclati e un minor utilizzo di energia per la realizzazione: le strisce bituminose sono costituite per la maggior parte da scarti della lavorazione del petrolio grezzo dopo processi di raffinazione per i carburanti e gli oli lubrificanti.

 

In Italia quali sono gli sviluppi riguardo l’uso di asfalti ecologici?
Un processo innovativo, quello dell’asfalto ecologico, i cui esempi si trovano in molte varianti anche in altre località nel mondo.
Nel capoluogo piemontese, Torino, per esempio già a Gennaio del 2012 alcuni chilometri di strade venivano ricoperti da una miscela a base di polvere derivata da gomma, ottenuta da pneumatici riciclati.

Fonte: http://www.architetturaecosostenibile.it/materiali/innovativi/asfalti-ecologici-usati-mondo-sperimentazione-pratica-077.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *