Una Cappella Sistina climatizzata. Tecnologie a tutela del patrimonio artistico italiano

Proprio in questi giorni, Papa Benedetto XVI ha celebrato, con un grande discorso, i 500 anni dalla realizzazione dei meravigliosi affreschi michelangioleschi della Cappella Sistina, ed il direttore dei Musei Vaticani, Antonio Paoloucci, ha annunciato l’eventuale aggiunta di un sistema di climatizzazione di ultima generazione che, permetterebbe di controllare l’aria e gli inquinanti introdotti, involontariamente, dalle migliaia di persone che ogni giorno accorrono a visitarla. La Cappella Sistina infatti, chiama a se circa cinque milioni di persone all’anno e, in certi giorni, anche oltre ventimila persone.

 

Questa tecnologia, applicata alla tutela dei beni culturali, permetterebbe agli studiosi di abbattere gli inquinanti, le polveri e, soprattutto, permetterebbe di portare a livelli assolutamente controllati l’umidità e la temperatura dell’ambiente, potendo garantire così agli affreschi della Cappella una buona salute per i prossimi anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *