Tecnologiaericerca.com diventa CO2 Neutral

Ogni nota musicale che scarichi, ogni  fotografia che salvi e tutti i post che scrivi raccontano di te,    accendono i ricordi,  diffondono informazioni, esprimono sentimenti….

E occupano spazio, inquinano, contribuiscono a surriscaldare il pianeta!

E’ difficile da immaginare ma le attività on line hanno conseguenze per nulla virtuali, non solo perché i pc sono fatti di componenti elettrici difficili da smaltire e si alimentano dalla presa di corrente domestica. Il problema maggiore infatti è rappresentato dai data center, enormi dispositivi che immagazzinano dati e spesso vengono alimentati a carbone, producendo CO2 in grande quantità. Greenpeace ha recentemente calcolato che nel 2020 Internet consumerà più energia di Francia, Germania, Canada e Brasile messi assieme ed ha perciò intitolato il suo ultimo rapporto:  “Quanto sono sporchi i tuoi dati”.

Per dare un’idea, una mail produce dai 4 ai 19 grammi di Co2 e la gestione di un blog arriva a rilasciarne nell’atmosfera 3,6 kg in media all’anno, cifra destinata a salire in proporzione al numero dei visitatori…

Cosa possiamo farci? Possiamo chiedere alle grandi aziende del web, così potenti ed innovative, di avere comportamenti responsabili e diventare CO2UNFRIEND, per esempio investendo sulle energie rinnovabili e su strategie sostenibili nella gestione dei loro data center. Ad esempio,  Google ha recentemente rinunciato a sistemi di condizionamento tradizionali per la sua server farm di St. Ghislain (Belgio), preferendo immissioni d’aria dall’esterno e sfruttando l’aria calda prodotta dai macchinari per riscaldare gli uffici e le case in prossimità.

Cosa possiamo farci, ancora? Seguire individualmente semplici regole ecologiche come preferire gli web hosting sostenibili, non lasciare i nostri pc in standby per ore ed ore, acquistare alimentatori a risparmio energetico, evitare di stampare i file e soprattutto usare il web come strumento di  informazione per aumentare la nostra consapevolezza sulle problematiche ambientali.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *