Premio Nobel per la Fisica agli studi quantistici di Haroche e Wineland

È stato assegnato al francese Serge Haroche e all’americano David J. Wineland il Premio Nobel per la Fisica 2012, per i lo studi sull’interazione tra materia e fisica quantistica. Le loro ricerche, indipendenti, hanno visto l’elaborazione di tecniche sperimentali che consentono la misurazione e la manipolazione di singole particelle. Inoltre, il loro lavoro ha permesso di osservarle senza distruggerle.

 

Serge Haroche, nato in Marocco 68 anni fa, è docente al College de France e alla Ecole Normale Superieure di Parigi e tra gli anni Settanta ed Ottanta ha sviluppato nuovi metodi di spettroscopia laser. L’americano David J. Wineland , suo coetaneo, invece è attivo presso l’Istituto nazionale statunitense per gli Standard e la Tecnologia. I suoi lavori nel campo ottico riguardano il raffreddamento degli ioni tramite laser e l’intrappolamento ionico nelle operazioni di sviluppo dei sistemi computazionali quantistici.

Per il comitato dell’Accademia Reale Svedese, la loro attività di ricerca merita il premio per i loro metodi innovativi, avendo permesso di muovere i primi passi verso la costruzione di un nuovo tipo di computer super-veloce, basato sulla fisica quantistica e alla costruzione di orologi estremamente precisi che potrebbero revisionare la futura concezione del tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *