Tumore al cervello: sotto accusa telefonini e cordless

La scoperta, fatta da un gruppo di studiosi svedesi guidati da Lennart Hardell, del Dipartimento di oncologia dell’ospedale universitario di Örebro e pubblicata sulla rivista Pathophysiology, mette in allarme tutti noi. L’utilizzo, per dieci anni, di telefoni cellulari, cordless ed in generale di apparecchi senza fili, potrebbe accrescere il rischio di contrarre il glioma, una forma di cancro al cervello.

Secondo la ricerca, sviluppata dall’unione dei dati raccolti precedentemente da tre studi condotti dello stesso team, il rischio maggiore di contrarre la malattia lo corrono soprattutto i bambini e gli adolescenti, e ciò dipende anche delle ore di impiego di questi strumenti. Utilizzare telefoni cellulari per più di 10 anni, sempre dallo stesso lato, aumenta le probabilità di sviluppare un glioma di 2,9 volte (odds ratio=2,9), utilizzando telefoni cordless, le probabilità crescono di 3,8 volte (odds ratio=3,8).

I medici consigliano di utilizzare, quando possibile, l’opzione “viva voce” sul cellulare, di spegnere il telefono durante la notte e posizionarlo in modalità “aereo” quando disponibile, se non lo si può spegnere del tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *