Curiosity trova anidride carbonica su Marte

Il rover spaziale della Nasa Curiosity, sbarcato su Marte lo scorso 6 agosto alla scoperta del pianeta rosso e alla ricerca di tracce di vita aliene, sarebbe incappato in una scoperta straordinaria. Nel cercare tracce di metano, il robot avrebbe trovato delle alte concentrazioni di anidride carbonica, un gas prodotto anche dalla respirazione e dalla digestione di micro-organismi.

 

Era una delle tante missioni che Curiosity doveva compiere una volta atterrato su Marte, ossia riuscire a respirare il suo suolo per studiarne la composizione. Innanzitutto il rover ha esplorato le vicinanze verificando l’effettivo funzionamento dei suoi strumenti, estendendo per la prima volta il suo braccio robotico lungo oltre due metri e andando alla ricerca di metano, un gas che si dissocia velocemente ed indicherebbe la possibilità che in passato su Marte sia stata presente la vita. Nell’ ”annusare” l’atmosfera marziana e determinare la sua composizione, il robot avrebbe  aspirato l’aria e l’avrebbe intrappolata nel suo sistema di campionamento Sam, che serve a rilevare la concentrazione di diversi gas in una miscela. Per il momento sarebbe emersa la presenza soprattutto dell’anidride carbonica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *