Ricerca: Materia intelligente si adatta agli stimoli della luce

Un gruppo di ricerca italiano dell’Istituto superconduttori, materiali innovativi e dispositivi del Consiglio nazionale delle ricerche di Napoli (Cnr-Spin), in collaborazione con il dipartimento di Scienze fisiche e di scienze chimiche dell’Università di Napoli Federico II, hanno condotto una serie di esperimenti per definire la reale “intelligenza” della materia.

Attraverso lo studio sarebbero riusciti a dimostrare che alcuni polimeri adattano la loro superficie allo stimolo luminoso, in modo da svolgere particolari funzioni.

 

Prendendo in esame dei polimeri fotosensibili, un insieme di materiali plastici particolare, che reagisce alla radiazione dei fasci luminosi esterni, gli stessi utilizzati per i cd-Rom e i dvd, dove la memorizzazione dei dati sfrutta proprio la loro sensibilità alla luce, e si è osservato come questi materiali “intelligenti” riescano a modificare la forma della loro superfici, dando luogo a microscopici rilievi e avvallamenti il cui profilo è dipendente dalla natura e dall’intensità della luce incidente quando questi sono irradiati. Ciò consente ai polimeri stessi di svolgere particolari funzioni.

Come si può osservare dalle immagini riportate, questi materiali appaiono esteticamente particolari, infatti, attraverso l’utilizzo di un particolare fascio laser, detto “a vortice”, il polimero ha dato vita ad un disegno superficiale che ricordava tanto la forma di una spirale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *