Scoperto meccanismo responsabile degli impulsi sessuali

Secondo una ricerca americana, la nascita del nostro impulso sessuale, avrebbe origine grazie ad un determinato meccanismo.

Il team di ricercatori che ha svolto lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Nature Neuroscience, fa parte dello Stowers  Institute for Medical Research, ed avrebbero scoperto il meccanismo con cui i feromoni riescono ad innescare la loro centralina, l’organo vomeronasale. Questo organo, dal suo incavo all’interno del naso, individua i feromoni, sostanze biochimiche prodotte dalle ghiandole di alcuni mammiferi, e mette in azione le nostre pulsioni sessuali.

 

Lo studio sarebbe stato condotto su dei topi da laboratorio ed attraverso dei minuscoli elettrodi, utilizzati per misurare il flusso di ioni nei neuroni presenti in un tessuto prelevato dall’organo. Il risultato è stato l’identificazione di due nuovi canali, un canale ionico Trp2 ed un canale potassio Sk3, attraverso i quali si attiverebbero i neuroni nell’organo vomeronasale dei topi. Fenomeno questo, abbastanza insolito, in quanto i canali di potassio normalmente non svolgono un ruolo diretto nell’attivazione dei neuroni sensoriali. I neuroni presenti nell’organo sono ricoperti di recettori specializzati, che possono essere attivati dal contatto con particolari sostanze chimiche, i feromoni per l’appunto, che si trovano soprattutto nei liquidi corporei. Se attivati, questi recettori producono aperture o chiusure dei canali adiacenti, permettendo così agli ioni di fluire all’interno o all’esterno di un neurone, creando picchi di tensione capaci di attivare un neurone collegato all’organo vomeronasale, generando segnali che nel cervello attivano un determinato comportamento sessuale.

L’organo vomeronasale nell’uomo è piccolo e apparentemente rudimentale, ma ha comunque un ruolo fondamentale nei comportamenti istintivi in materia di riproduzione ed aggressione, permettendo di fornire indizi su come comportamenti innati, come quelli sessuali, vengono innescati nell’uomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *