Medicina: vena ricostruita grazie alle staminali

Grazie ad uno studio svedese, sarebbe stata ricostruita la vena di una bambina grazie all’utilizzo delle cellule staminali e ad una tecnica nuova: la decellularizzazione.

 

Lo studio, condotto da alcuni chirurghi della University of Gothenburg e dello Shalgrenska University Hospital in Svezia, avrebbe visto l’impianto, su una bambina di dieci anni, di una vena ottenuta grazie alle sue stesse cellule staminali.

 

 

La buona riuscita della ricerca pare sia stata resa possibile anche grazie ad una tecnica molto sofisticata, la cosiddetta decellularizzazione, caratterizzata da un precedente prelevamento di frammento di vena da un donatore deceduto, poi successivamente ripulito dalle cellule originarie, grazie all’utilizzo di enzimi e detergenti, per evitare eventuali problemi di rigetto. La vena ottenuta, viene inserita nel nuovo tessuto e rivestita di cellule staminali, precedentemente prelevate dal midollo osseo della bambina stessa.

Il risultato pare sia stato ottimale, il flusso sanguigno tra l’intestino e il fegato appariva migliorato insieme alla qualità della vita della ragazzina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *