Sovrastampa degli imballaggi, l’innovazione italiana ha successo all’estero

La Rotoprint di Lainate (MI) punta su creatività, servizi su misura e promozione mirata per arrivare all’estero. Richieste da Gran Bretagna, Francia, Germania, Benelux e Penisola Iberica

 

COMUNICATO STAMPA – Quando gli italiani portano all’estero la loro creatività e inventiva è sempre un successo, specialmente quando a essere esportati sono procedimenti unici e il modo tutto nostro di servire il cliente, con soluzioni su misura dal sapore quasi artigianale. È il caso della Rotoprint Sovrastampa di Lainate (MI), che ha messo a punto un sistema brevettato di sovrastampa rotocalco a registro che non ha eguali in Europa e forse anche nel mondo. «Il procedimento da noi messo a punto quarant’anni fa, e costantemente perfezionato, permette di modificare imballaggi già stampati con precisione millimetrica -spiega Gian Carlo Arici, titolare di Rotoprint-. Il risultato è studiato in maniera personalizzata per ogni cliente, e ne abbiamo in ogni parte d’Europa. Il nostro mercato estero più consolidato è la Francia; l’ultimo nel quale siamo sbarcati, qualche mese fa, quello di Olanda e Belgio».

 

L’unicità del procedimento, unito alla capacità di concordare insieme al cliente interventi su misura per qualsiasi esigenza, ha portato la Rotoprint a farsi un nome anche all’estero. Tanto che l’azienda ha rappresentanti commerciali in Gran Bretagna, Francia, Germania, Benelux, Spagna e Portogallo. Non male per una piccola impresa a conduzione familiare, con un organico di quindici persone. Un’avventura cominciata una quarantina d’anni fa, quando Gian Carlo Arici, per soddisfare la richiesta di un cliente della sua piccola azienda, modificò una macchina rotocalco in modo che sovrastampasse un imballaggio difettato. Da allora, le società che hanno rimanenze di imballaggi perfetti ma non più utilizzabili (a causa di errori, aggiornamenti nelle etichette, eccetera) possono recuperarli risparmiando su costi di magazzino, smaltimento e produzione di nuovo materiale.

 

Ma che cosa serve a una piccola azienda per arrivare ai mercati esteri? «A essere apprezzato –spiega Arici– è soprattutto il nostro modo di considerare ogni progetto come una sfida, fino ad arrivare a un risultato perfetto per il cliente: è un approccio che altri non avrebbero». Non va trascurata la promozione, cercando di sfruttare ogni vetrina possibile: «Cerchiamo di partecipare ai concorsi internazionali –continua Gian Carlo Arici– in modo far capire l’aspetto innovativo delle proposte di Rotoprint soprattutto a grandi gruppi del settore della stampa, che poi ci consigliano ai loro clienti». I premi vinti sono un ottimo biglietto da visita. Fra questi, l’Innovation Award 2011 dalla European Rotogravure Association. L’ultimo riconoscimento in ordine di tempo viene ancora da più lontano: si tratta della menzione d’onore conferita dalla PLGA Global nel corso della cerimonia dei Print Quality Awards 2011 tenutasi il 1° marzo scorso a Miami, USA.

 

 

Rotoprint Sovrastampa S.r.l. Nata nel 1978 a Lainate (MI), Rotoprint Sovrastampa è specializzata nel modificare imballaggi già stampati, siano essi in formati (tetrarex, combiblok, elopak, scatole microonda, astucci, blister, cluster) o in bobina con supporto mono o pluristrato (alluminio, carta, poliammide, polietilene, polipropilene, poliestere, sleeves, tetrapak). Rotoprint Sovrastampa è una Società con Sistema di Gestione Qualità Certificato UNI EN ISO 9001: 2008 e per il suo Procedimento Brevettato ha vinto l’Oscar dell’Imballaggio 1993 (conferito dall’Istituto Italiano Imballaggio). www.rotoprint.com

 

Ufficio stampa: Eo Ipso
Info: Miriam Giudici – Cel. 346.3907608 – Mail mgiudici@eoipso.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *