Astronomia: Identificate celle coronali molto calde sul Sole

Gli scienziati del Naval Research Laboratory hanno scoperto una funzionalità solare precedentemente non dichiarata. Le celle coronali, dove l’alta temperatura di emissione coronale si limita a discreti pennacchi che si estendono verso l’alto da concentrazioni unipolari di flusso magnetico. I ricercatori NRL pensano che gli studi futuri di queste regioni del Sole possano portare ad una migliore comprensione della riconnessione magnetica ai confini dei buchi nella corona, e come questi cambiamenti vengano trasmessi verso l’esterno nel vento solare.

Questa ricerca è stata pubblicata nel numero del 20 marzo del Journal. La NASA ha fornito un sostegno finanziario attraverso l’Eliophysics Guest Investigator Program. I ricercatori Neil Sheeley e Harry Warren, della Divisione Spazio NRL Science, descrivono queste cellule coronali come candeline su una torta di compleanno. I ricercatori hanno scoperto le celle in righe di emissione ultravioletta dal momento che si formano a temperature di circa un milione di gradi Kelvin. Anche se gli astronomi hanno raggiunto la scoperta con immagini ad alta risoluzione da parte di Imaging Atmospheric a bordo del Solar Dynamics Observatory (SDO), hanno anche osservato le celle sulle immagini ultraviolette di STEREO-A e B, e dalla Solar Observatory and Heliospheric (SOHO), nel 2000, nei pressi del precedente massimo delle macchie solari. Inoltre, hanno usato le immagini Doppler, costruite dall’Extreme Ultraviolet Imaging Spectrometer (EIS) a bordo della sonda Hinode, per dedurre che il deflusso è più veloce nei centri delle celle che ai loro confini.

 

I ricercatori hanno utilizzato delle sequenze di immagini della corona in 27 giorni di rotazione solare. Vicino al centro del disco, le celle coronali sembravano granuli della fotosfera, ma le loro dimensioni, pari a 30.000 Km, sono sicuramente maggiori. Un confronto con le mappe magnetiche della fotosfera, ottenuti con l’Imager Helioseismic magnetic a bordo di SDO, ha dimostrato che le celle si sono concentrate su concentrazioni di flusso unipolari, ma il dubbio verte sul fatto che l’emissione cellulare veniva da vicino alla superficie del Sole, o da linee di campo più in alto che si estendono nella corona. Le osservazioni simultanee dalla STEREO-B e dei veicoli spaziali SDO, separati da circa 90 gradi lungo l’orbita della Terra intorno al Sole, hanno mostrato le stesse protuberanze sporgenti in direzioni opposte. Tale visione stereoscopica non lasciava dubbi che le celle coronali sono colonne di emissioni che si estendono radialmente verso l’esterno attraverso la corona inferiore, come le candeline su una torta di compleanno. I ricercatori hanno affrontato la questione di come le celle coronali possano accendersi e spegnersi, e hanno scoperto che la visibilità delle celle ha una stretta relazione con l’evoluzione dei buchi coronali adiacenti.

Le celle coronali sono apparse quando i buchi coronali erano chiusi, e viceversa, sono scomparse con i buchi coronali aperti. Questo comportamento ha suggerito che i buchi coronali hanno la stessa struttura cellulare magnetica come le nuove celle osservate. Nel corso della loro ricerca, Sheeley e Warren hanno osservato la scomparsa occasionale delle regioni cellulari quando i filamenti solari sono esplosi al loro fianco. Ciò indica che i pennacchi di materiale sono stabiliti rapidamente, di pari passo con la riconnessione dei campi magnetici associati. La scoperta delle celle coronali ha già aumentato la nostra conoscenza della struttura magnetica coronale. In futuro, gli studi dell’evoluzione può migliorare la comprensione degli scienziati della riconnessione magnetica alla linea di campo coronale, stabilire i confini dei buchi coronali, gli effetti sul vento solare e della meteorologia spaziale sulla Terra.

Fonte: http://www.meteoweb.eu/2012/04/scoperte-celle-coronali-supercalde-sul-sole/128123/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *