Ricercatori italiani sviluppano la fibra più veloce al mondo

Ricercatori italiani aprono le porte a una rete Internet sempre più veloce, capace e performante, sperimentando velocità da oltre 1 Terabyte per singolo canale ottico.

 

Arriva da una collaborazione tra ricercatori dell’Istituto di Tecnologie della Comunicazione dell’Informazione e della Percezione (TeCIP) della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, il Laboratorio Nazionale di Reti Fotoniche del Cnit (Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni), la multinazionale Ericsson e il service provider spagnolo Telefonica, la notizia di un nuovo record nella trasmissione di dati telematici attraverso fibra ottica. Gli studiosi pare abbiano confermato la capacità degli attuali apparati, di funzionare con i cavi già installati, raggiungendo un data rate di 448 Gbps per canale, ed hanno sviluppato delle tecniche innovative per l’elaborazione e la codifica dei segnali che hanno permesso di raggiungere il nuovo traguardo di velocità mondiale.

 

La trasmissione superveloce nasce dalla collaborazione tra soggetti di natura diversa l’azienda, l’università e il consorzio di ricerca, convogliando le competenze utili alla realizzazione di un sistema ad alto contenuto tecnologico in grado di raggiungere prestazioni fino a due anni fa inimmaginabili ed avverrebbe su una porzione di rete fornita da Telefonica, su una distanza di 300 Km circa. In questo modo sarebbe possibile trasmettere oltre 300 film in alta definizione, 30mila film in qualità standard, gestire 500mila collegamenti Adsl a 20 megabit oppure 120 milioni di videochiamate o due miliardi di telefonate standard.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *