Scoperto fungo mangia plastica

 

fonte: http://www.architetturaecosostenibile.it/

Una spedizione dell’Università di Yale nella foresta pluviale amazzonica ha fatto scoprire qualcosa che finora era sconosciuto alla scienza: un fungo mangia plastica, ghiotto di poliuretano, cioè una vasta famiglia di polimeri in cui la catena polimerica è costituita da legami uretanici. Può essere di tipo espanso morbido (materassi e imbottiture), di tipo espanso rigido (materiale termoisolante), di tipo rigido compatto (componenti di grandi dimensioni) e di tipo elastico compatto (elastomeri come elastici, guarnizioni, parti morbide di giocattoli, accessori di abbigliamento e tubi flessibili).

 

E questo fungo, chiamato Pestalotiopsis Microspora, è il primo organismo che riesce a sopravvivere in condizioni sia aerobiche che anaerobiche, nutrendosi proprio di poliuretano, uno dei materiali più resistenti tra quelli inventati dall’uomo. Gli studenti Pria Anand e Jonathan Russel hanno isolato l’enzima che il fungo usa per rompere il legame chimico più forte di questo materiale: la serina idrolasi.

I risultati di questa straordinaria scoperta sono stati poi pubblicati sulla rivista Applied and Environmental Microbiology aprendo numerose porte al bio risanamento.

 

Fonte: http://www.architetturaecosostenibile.it/curiosita/varie/fungo-mangia-plastica-poliuretano-583.html

fonte: http://www.architetturaecosostenibile.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *