Plantbook, computer ad acqua. Il Design abbraccia la tecnologia e diventa ecologico

 

Fonte: www.architetturaecosostenibile.it Il design di un oggetto tecnologico come un computer, va oltre l’estetica per cercare un equilibrio tra forma e funzione. Nell’ambito delle aziende informatiche, il design diviene una questione di forma e di sostanza. Il design ha rischiato e rischia tutt’oggi di accantonare il principio di funzionalità, schiacciato dalle esigenze del mercato.

 

Probabilmente per questa ragione, i ricercatori Beak e Kim  hanno dato vita ad un’idea interessantissima che si concretizza nel prototipo Plantbook.

 

 

  • FOTOSINTESI NATURALE ED ARTIFICIALE: E’ un latptop a tutti gli effetti se non fosse che i due schermi sono due display avvolgibili intorno ad un fusto centrale. L’idea madre di questa invenzione è proprio quella di sfruttare e riprodurre artificialmente il complesso sistema della fotosintesi per ottenere energia pulita. La fotosintesi in natura avviene ad opera dei cloroplasti dove i fotoni sono in grado di innescare una reazione tra l’anidride carbonica e il vapore acqueo contenuti nell’atmosfera, ottenendo la sintesi del glucosio, importante fonte di energia. Riprodurre questo complesso sistema in laboratorio è una grande sfida per i moderni ricercatori ed è in questa ottica che nasce Plantbook, il primo computer che si ricarica “innaffiandolo”.

 

  • IL COMPUTER CHE SI CARICA CON ACQUA E SOLE: Una volta arrotolato il pc intorno al suo fusto, basterà porlo in una bottiglietta d’acqua, sotto il sole, e aspettare che si carichi. Questo è possibile grazie ad un fenomeno di elettrolisi che permette al pc di ricavare l’energia necessaria liberando al contempo ossigeno.

 

 

I vantaggi sarebbero tanti. Innanzitutto di tipo pratico: il nostro Plantbook sarà facilmente trasportabile e diventerà non più un oggetto che consuma energia, ma addirittura che la produce.

 

Fonte: http://www.architetturaecosostenibile.it/curiosita/varie/design-tecnologici-ecologici-plantbook-computer-acqua-559.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *