Silene Stenophylla “resuscita” dopo 30mila anni, sepolta sotto i ghiacci siberiani

E’ questo il nome della pianta estinta 30mila anni fa in Siberia e resuscitata nelle scorse ore grazie ad una ricerca effettuata dall’Accademia delle Scienze russa.

Si tratta di una pianta erbacea, vissuta addirittura nel Pleistocene. Il team di ricerca, una volta scoperti i semi della pianta a una quarantina di metri di profondità sotto i ghiacci dellla Siberia e precisamente in una tana fossilizzata di scoiattoli, sono riusciti a rigenerare i semi.

Dapprima i ricercatori hanno cercato di far germinare i semi contenuti nei frutti senza però ottenere alcun risultato. Sono però riusciti a  prelevare una parte ancora intatta dello stesso frutto, il tessuto placentale. Da questo tessuto, ricco di saccarosio e zuccheri, è stato possibile far rifiorire la Silene che ora inizia a produrre i primi frutti.

Il permafrost siberiano ha dunque agito come un grande congelatore, preservando tutto ciò che ha ricoperto e che una volta scongelato rinasce a nuova vita portandosi dietro tutte le caratteristiche di migliaia di anni fa. Ecco perché il terreno ghiacciato può anche essere definito come la cassaforte della biodiversità.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *