Ambiente: Oceani Ricchi di CO2. Pesci a rischio

Se l’aumento delle emissioni di CO2 nell’ambiente, disturba e preoccupa per la salute degli uomini, degli animali, dell’ambiente intero, altrettanta preoccupazione fa l’aumento vertiginoso della concentrazione di CO2 nelle acque del mare e degli oceani, che negli ultimi duecento anni pare sia aumentata del 40%.

Questo risulterebbe da una ricerca internazionale dell’Iamc-Cnr, l’Istituto per l’ambiente marino e costiero del Consiglio nazionale delle ricerche di Oristano, coordinata da Paolo Domenici, con i ricercatori della James Cook University e dell’Università di Oslo, dove emerge come i pesci siano disorientati, perdano la loro naturale tendenza a spostarsi davanti ad un ostacolo e allo stesso tempo quella ad allontanarsi dall’odore di un predatore e che, stando alle stime effettuate, la concentrazione di CO2 per la fine del secolo potrebbe raggiungere livelli tra le 700 e le 900 ppm contro le attuali 380 ppm. Chiaramente tutto ciò porterà delle conseguenze negative sulla vita degli organismi marini, variazioni sul comportamento, sopravvivenza di tantissime specie marine, che potrebbero estinguersi del tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *