Ricerca: L’elisir di Lunga Vita nelle Cellule Staminali

Una ricerca statunitense pare abbia scoperto l’elisir di lunga vita, grazie ad un mix di molecole e cellule staminali. Il team che ha condotto lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Communications, è dell’University of Pittsburgh School of Medicine che lo hanno eseguito su delle cavie che a causa di una malattia erano destinati ad una inesorabile vecchiaia, prematura.

Con un trapianto di alcune cellule progenitrici simili a staminali, prelevate dai muscoli di topi più giovani e sani, i ricercatori pare abbiano ritardato i segni di invecchiamento precoce, facendo vivere i topolini fino a tre volte più delle aspettative.

 

I ricercatori Johnny Huard e Laura Niedernhofer pare abbino spiegato che nelle precendi ricerche si era capito come le proprietà delle cellule staminari regrediscano con l’età, ma non era chiaro se questa fosse all’origine del processo di invecchiamento, o se ne fosse una causa. Ma i loro esperimenti pare dimostrino che i topi malati di progeria, causa dell’invecchiamento precoce, dopo l’iniezione di staminali sono risultati decisamente in gran forma e hanno vissuto più a lungo del previsto. Generalmente i topi malati di progeria muoiono in soli 21-28 giorni, ma gli animali trattati hanno vissuto molto più a lungo, alcuni addirittura più di 66 giorni con una salute migliore della precedente. Sono emersi anche crescite di nuovi vasi sanguigni nel cervello e nei muscoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *