A gennaio 2012 la sonda russa Phobos Grunt cadrà sulla Terra

Dopo le prime indiscrezioni e supposizioni ora si ha la conferma ufficiale (dall’agenzia spaziale Roskosmos) che la sonda russa phobos grunt ricadrà sulla Terra, in una data compresa tra il 6 e il 19 gennaio. Purtroppo nonn è possibile conoscere in maniera più precisa il giorno e il luogo del possibile impatto sul suolo terrestre. Queste informazioni si sapranno solo in prossimità dell’evento.

Se fossero solo queste le ipotesi non ci sarebbe nessuna preoccupazione di sorta in quanto non è la prima volta che le sonde che hanno completato le loro missioni nello spazio rientrano nella nostra atmosfera e non ci sono mai stati problemi causati dall’impatyto al suolo dei loro detriti.

In questo caso però c’è un po’ di più che non permette di stare molto tranquilli. Phobos Grunt contiene al suo interno una sostanza radioattiva denominata Cobalto-57, per fortuna in piccole quantità, e circa 7000 chili di carburante altamente tossico (composto da tetrossido d’azoto e idrazina).

Sono questi i due elementi oggetto di studio e di simulazioni da parte degli scienziati ell’Agenzia Spaziale russa. Secondo le ultime novità, con molta probabilità il carburante dovrebbe bruciare al rientro nell’atmosfera terrestre e il cobalto 57 non dovrebbe essere causa di rischio di contaminazione radioattiva.

Per quanto riguarda la stessa sonda invece, il suo destino è quello di disintegrarsi e i suoi frammenti ed i frammenti che arriverebbero sul suolo avrebbero un peso complessivo di 200 kg.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *