Autoritratto di Rembrandt scoperto al di sotto di un dipinto anonimo

È stato scoperto un autoritratto, rimasto incompiuto, del maestro olandese Rembrandt sotto lo strato pittorico di un anonimo ritratto, noto come “L’anziano con la barba”.

Rembrandt Harmenszoon van Rijn (1606–1669), pittore ed incisore olandese, viene considerato uno dei più grandi pittori della storia dell’arte europea e il più importante di quella prettamente olandese, tanto che gli storici definiscono il suo periodo di attività artistica come l’età dell’oro olandese.

Analizzando un anonimo dipinto, con le più sofisticate tecniche scientifiche, è emersa questa bozza di autoritratto, molto somigliante nei lineamenti all’autoritratto dell’artista. Per la precisione, la scoperta è stata effettuata grazie a delle scansioni del dipinto agli infrarossi, realizzate al Brookhaven National Laboratory di New York, e sottoponendolo ad analisi ai raggi X con la sorgente di luce ESRF di Grenoble, in Francia. Con la Fluorescenza di raggi X è stato possibile definire i tanti e diversi elementi chimici presenti negli strati pittorici del dipinto. Lo storico dell’arte ed esperto di Rembrandt, Ernst van de Wetering, direttore del Rembrandt Research Project, ha dichiarato: “Il ritratto è considerato uno dei primi lavori dell’artista e documenta quale doveva essere l’attività di Rembrandt nel suo laboratorio nel suo primo periodo di attività. E l’opera de ‘L’anziano con la barba’ sia uno studio  per una successiva opera ‘L’anziano’”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *