Solventi naturali ottenuti dalle bucce dalle arance di Sicilia

Fonte: architetturaecosostenibile.it

L’evaporazione dei solventi rappresenta un problema per l’inquinamento non solo durante la fase produttiva ma anche durante la sua permanenza nelle nostre abitazioni. I solventi utilizzati nelle vernici costituiscono una fonte importante di contaminazione dell’aria indoor, sia per la loro facilità di evaporazione sia perché vengono impiegati anche su vaste superfici. La maggior parte delle vernici convenzionali e dei prodotti di rifinitura è una fonte di composti organici volatili (VOC) tra cui il formaldeide, il benzene o il toluene che possono essere presenti con la funzione di solventi o diluenti per aumentare le prestazioni del prodotto.

Una svolta significativa potrebbe arrivare dalla scoperta di solventi ecologici ottenuti dagli oli essenziali degli agrumi di Sicilia. Grazie alla loro ricerca hanno individuato questi solventi ecocompatibili e utilizzabili come diluenti al posto di quelli sintetici.
Gli studenti dell’Istituto tecnico industriale Cannizzaro (Iti) di Catania, hanno lasciato macerare le bucce delle arance per una notte intera estraendone poi gli oli essenziali e separandone la parte grassa. Hanno messo in evidenza l’abbondante presenza di terpeni come ad esempio il limonene e il geraniolo. I terpeni, insieme all’isoprene, sono un particolare tipo di composti organici volatili biogenici o BVOC.

Il composto naturale messo a punto dai ragazzi potrebbe quindi trovare una sua diffusione nell’ottica di questo tipo di solventi: l’unico aspetto da riconsiderare è il costo di produzione che per ora risulta eccessivo per l’alto quantitativo di bucce necessarie, circa 500 gr per ottenere 2 millilitri di olio.

Una soluzione a questo problema potrebbe però essere quella di considerare le tonnellate di arance che ogni anno in Sicilia sono mandate al macero, uniti agli scarti di produzione derivati dalla lavorazione degli agrumi nell’industria alimentare e portare quindi l’estrazione di questi composti su scala industriale.

Leggi l’articolo completo su architetturaecosostenibile.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *