Il robot Asimo presto lavorerà per la sua sicurezza della centrale di Fukushima

Vi ricordate Asimo, il robot della Honda nato nel lontano 2000?

Ebbene è cresciuto! La sua evoluzione continua ancora ed ora riesce a correre più veloce, saltellare su una gamba, stare in equilibrio, aprire le bottiglie e versare i liquidi e quindi anche a ragionare. Riesce a distinguere le voci di tre persone che parlano contemporaneamente, attraverso l’analisi del suono ed il riconoscimento facciale e, grazie alle dita controllabili singolarmente, sa utilizzare il linguaggio dei segni.

Ora si pensa di mandarlo in missione nelle zone colpite dalla catastrofe di Fukushima ad intervenire contro le fughe radioattive del suo reattore.

Vedi il video su http://www.youtube.com/watch?v=ugxPzJR4phE&feature=related

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *