Stay hungry, stay foolish… stay green: ecco le scelte ecosostenibili di Steve Jobs

Fonte: http://www.architetturaecosostenibile.it/

Steve Jobs, uno dei più grandi geni degli ultimi anni è stato stroncato da un cancro al pancreas, una malattia contro cui lottava ormai da molti anni e contro cui ha perso l’unica sfida che non poteva vincere. Mentre tutto il mondo parla dei suoi computer, degli iPhone e degli iPad che ci hanno cambiato la vita, è giusto soffermarsi su qualcosa in cui Steve ha sempre creduto, lo sviluppo sostenibile. Il famoso “Think different”, quel modo diverso di approcciarsi alle cose da anni si riflette anche nella politica ambientale dell’azienda.
Il CEO di Apple nel 2007 non gradì di essere finito all’ultima posizione di una classifica stilata da Greenpeace in cui si accusava la casa di Cupertino di essere la peggiore tra le aziende mondiali in fatto di riciclo. Il primo passo verso un sistema più ecologico fu quello di un’attenta analisi del Life Cycle Assestment : il 90% dei consumi era diviso equamente tra la produzione del prodotto e il suo utilizzo durante la vita utile, il 5% era attribuito ai trasporti, il 3%alle strutture e l’1% al riciclo. Nel processo di produzione si puntò prima all’eliminazione di sostanze tossiche dai componenti (come ad esempio i monitor LCD di vecchia generazione ad alto contenuto di sostanze come arsenico e mercurio) e successivamente alla sostituzione con nuove tecnologie meno dannose per l’ambiente. Il PVC e gli altri tipi di materiali termoplastici vennero utilizzati sempre meno a favore del vetro e dell’alluminio, materiali più facili da riciclare. Inoltre vennero ridotte le quantità di materie prime utilizzate grazie al design interno dei prodotti.

Oggi con imballaggi ridotti, alimentatori più efficienti, e programmi di smaltimento in tutto il mondo la Apple diventa un vero modello di sviluppo sostenibile che ha il suo punto di arrivo nel grande Campus di Cupertino, struttura circolare per 12.000 dipendenti interamente alimentata da fonti energetiche rinnovabili e da combustibili ecologici presentata dallo stesso Steve Jobs al consiglio cittadino della città californiana.

Anche questo faceva di Steve Jobs una grande persona, innovativa, geniale e tecnologica ma rispettosa dell’ambiente.

Continua a leggere dal link originale: http://www.architetturaecosostenibile.it/curiosita/varie/stay-hungry-foolish-sustainable-politiche-sostenibili-steve-jobs-363.html

Fonte: architetturaecostenibile.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *