L’invecchiamento cerebrale è dovuto al nostro sangue

La ricerca, dalla quale è emersa questa notizia, è stata condotta della Stanford University, in California, coordinata da Tony Wyss-Coray e pubblicata sulla rivista Nature. Stando a quanto dichiarato dagli studiosi, le molecole responsabili della vecchiaia sarebbero due: l’eotaxina e l’MCP-1. L’esperimento ha visto impiegati due topi, uno giovane ed uno vecchio, ai quali è stato “mixato” il sangue, cioè è stato mescolato il sangue di entrambi e si è visto come il topolino più anziano abbia risentito positivamente dell’afflusso di sangue giovane. Il suo cervello risulterebbe ringiovanito, tanto da aver migliorato la memoria e prodotto nuovi neuroni nell’ippocampo. Il perfetto contrario è invece successo al topolino più giovane.

La causa è nascosta nell’eotaxina e nell’Mcp-1, sostanze legate all’invecchiamento e che sono ampiamente presenti nel sangue anziano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *