Brevetti italiani per abitare Marte

Sono il risultato del progetto Cosmic, il primo progetto italiano finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) con 500.000 € nel settore dell’esplorazione spaziale umana, i due brevetti per costruire abitazioni e poter vivere sul Pianeta rosso, Marte. Puntando allo sfruttamento delle materie presenti nel suolo di Marte per fabbricare “mattoni” da utilizzare per la costruzione di strutture abitabili e nuove tecnologie per ottenere dall’atmosfera e dal suolo tutti gli elementi essenziali alla sopravvivenza dell’uomo.
I due brevetti, tutti italiani sono:

  • Costruire, sul posto, strutture capaci di proteggere gli astronauti da meteoriti e raggi cosmici ed offrire loro un ambiente dove vivere e lavorare. Il primo passo consisterà nel portare su Marte, pannelli solari ed impianti per estrarre dal suolo gli elementi utili a costruire veri e propri “mattoni” da assemblare e costruire strutture abitabili. Questo è il brevetto depositato dall’Università di Cagliari e Asi;
  • Sfruttare l’atmosfera e il suolo di Marte per produrre tutto ciò che è indispensabile alla sopravvivenza degli astronauti, dall’aria all’acqua potabile, al nutrimento, e alle loro attività, strutture abitabili ed impianti per produrre propellenti e fertilizzanti. Questo è il secondo brevetto, depositato da Università di Cagliari, Asi e Centro di ricerca, sviluppo e studi superiori in Sardegna (Csr4).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *