Dalla European Physical Society eccezionali riconoscimenti alla fisica italiana

La European Physical Society (Eps) celebra la Fisica Italiana. I riconoscimenti assegnati quest’anno dalla Eps sono stati consegnati a Grenoble, nell’ambito della conferenza che riunisce 600 fisici di tutto il mondo. Dei dieci ricercatori premiati, ben cinque sono italiani. Il premio più prestigioso è andato al presidente del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr),  Luciani Maiani ; sono stati inoltre premiati Paolo de Bernardis, Davide Gaiotto, Paolo Creminelli e Andrea Rizzi. Si tratta del riconoscimento europeo più ambito dai fisici, secondo solo al Premio Nobel. Non a caso sinora ben 9 dei 23 premiati dall’Eps hanno ricevuto anche la massima onorificenza a Stoccolma. La motivazione alla base della scelta dell’Eps è questa: «Per il contributo dato alla teoria dei quark nel quadro dell’unificazione delle interazioni elettromagnetiche e deboli». La teoria dei premiati, cita la motivazione, «rappresenta ancora oggi un punto fermo per ogni indagine nella fisica delle particelle elementari». Nel 1970 i tre studiosi avevano teorizzato l’esistenza di una particella, il quark charm, che risolveva alcuni problemi teorici che i fisici si trovavano ad affrontare . La soluzione proposta, chiamata «meccanismo Gim» dalle iniziali dei tre scienziati, fu confermata dopo quattro anni dalla scoperta delle particelle che effettivamente contenevano il quark charm. Il loro risultato ha esteso la consolidata descrizione delle interazioni deboli, introdotta qualche anno prima da Nicola Cabibbo, e spiegato il cambiamento di «sapore» (flavour) delle correnti neutre solo attraverso minuscoli effetti quantici. Il meccanismo Gim è una pietra miliare del modello Standard, tuttora la teoria dominante. Una chiave di volta della fisica delle particelle, dato che molte nuove teorie proposte nel corso degli anni successivi, tra cui quelle della supersimmetria o delle extra dimensioni, sono passate al vaglio della conformità con il meccanismo Gim.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *