EcoPost, la cassetta postale digitale a emissioni zero

Fonte: www.architetturaecosostenibile.it

Si tratta di un indirizzo e-mail nella forma: STATO. REGIONE. PROVINCIA. CITTA’. INDIRIZZO. CIVICO. PALAZZINA. SCALA. PIANO. INTERNO @ ECOPOST.ORG

Tutto qui, una casella e-mail come tante ma con un potenziale intrinseco enorme, ed un obbiettivoazzerare il consumo di carta per la posta tradizionale, che però significa anche zero CO2 per il trasporto della carta stessa, milioni di tonnellate di inchiostro in meno, ed una inarrivabile rapidità del servizio postale massivo.

EcoPost è un’iniziativa non-profit con l’obbiettivo dichiarato di risparmiare dalla distruzione le foreste. In questa posta che riceviamo c’è molto ‘spam’ cartaceo, pubblicità non sempre desiderata che inoltre è, come abbiamo visto, un grande danno per l’ambiente.

Le caselle di EcoPost risolvono questo problema con due nette scelte strategiche: potranno inviare messaggi alle caselle ‘geografiche’ solo i mittenti accreditati, e i destinatari potranno selettivamente decidere da quali, tra questi mittenti, ricevere i messaggi. In pratica, se voglio ricevere i volantini pubblicitari del locale supermercato, ma non del mobilificio di zona, non devo far altro chedeselezionare quest’ultimo dai mittenti ‘graditi’ ed il gioco è fatto. Ed in ogni momento posso rivedere le mie decisioni al riguardo, nella mia piena autonomia, di consumatore certo, ma consapevole ed attivo.

EcoPost quindi realizza il perfetto equilibrio tra salvaguardia dell’ambiente,limitazione dello spam e, per la prima volta per servizi di questo tipo, controllo in mano all’utente finale su cosa ricevere e cosa no.

Le caselle di EcoPost infatti sono molto speciali, al pari delle cassette postali tradizionali sono soltanto riceventi, ed inoltre non è possibile inviare verso di esse messaggi massivi indiscriminati. A questo pensa lo speciale mail server di cui è dotato il servizio.

Il servizio è offerto a titolo completamente gratuito per gli utenti.

Il controllo sulla privacy è totale, i dati personali non sono cedibili a terzi, a nessun titolo. E’ possibile cancellarsi dal servizio con un semplice click e tutti i nostri dati verranno rimossi istantaneamente. Inoltre i messaggi sono inviati senza la ricevuta di ritorno, non si tratta quindi della tanto discussa PEC (Posta Elettronica Certificata), ma di una semplice (ed utilissima per l’ambiente)dematerializzazione della posta tradizionale.

Infatti, un ulteriore pregio del servizio è che essendo le caselle postali casalinghe ‘migrate’ sulla rete, esse sono disponibili anche in caso di irraggiungibilità fisica delle abitazioni da parte del vecchio servizio postale tradizionale.

Leggi l’articolo compelto su www.architetturaecosostenibile.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *