Ricostruita l’ultima cena del dinosauro-baby, Ciro

Pare siano state effettuate delle altre ricerche sul piccolo dinosauro più famoso d’Italia, “Ciro” il fossile di Scipionyx Samniticus scoperto nel 1980 a Pietraroia (Benevento) e risalente a 110milioni di anni fa e che è il primo dinosauro carnivoro italiano. Sono state scoperte le ultime cose mangiate dal piccolo prima di morire e a condurre la ricerca sono stati i paleontologi del Museo di Storia Naturale di Milano, i quali hanno condotto una vera e propria autopsia hi-tech sul fossile.

Fin dal suo ritrovamento, le ricerche scientifiche e tecnologiche si sono susseguite ininterrottamente, portando alla luce diverse informazioni importantissime per la storia e la scienza. Attraverso il suo studio, è stato possibile dimostrare che 150 milioni di anni fa l’Italia aveva un clima tropicale ed era popolata dai dinosauri, che il piccolo dinosauro era un carnivoro, la sua forma e struttura, grazie all’ottima  conservazione delle sue ossa rimaste nella posizione che avevano nell’animale vivo e che mostrano come l’animale sia morto poche settimane dopo la sua nascita ed ora anche la sua dieta. Pare si cibasse di piccoli rettili e di pesci. Questi risultati sono frutto di intense ricerche, eseguite presso l’Ospedale Maggiore di Milano, attraverso scansioni al microscopio elettronico e a luce ultravioletta, con esami chimico-fisici che hanno rivelato i vasi sanguigni e la struttura striata delle fibre muscolari. È emersa anche la morfologia della struttura cellulare delle ossa, le cartilagini articolari con i legamenti tra le vertebre. Addirittura è stato possibile scoprire tracce di ferro accumulato nell’emoglobina del sangue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *