Nuova Mammografia per la diagnosi precoce; si chiama MAMMI

Sviluppato da un gruppo di ricercatori europei, coordinati dal Consiglio nazionale spagnolo per la ricerca, MAMMI (Mammography with molecular imaging) un nuovissimo dispositivo mammografico per la diagnosi precoce dei tumori al seno. Lo strumento permetterebbe di individuare un cancro al seno nelle sue prime fasi vitali, vedendo lesioni di 1,5 mm.

L’analisi mammografia viene fatta seguendo la tecnica di tomografia ad emissione di positroni (PET) ed è in grado di misurare l’attività metabolica del tumore identificando l’alto assorbimento di glucosio delle cellule cancerose. Inoltre è un’analisi molto semplice e poco invasiva per le pazienti. Basta stendersi su un lettino appositamente realizzato e mettere un seno in una delle aperture presenti. La macchina, dotata di un carrello, fa scorrere il suo sistema di rilevamento, dotato di un sensore a raggi gamma, portando a termine l’analisi. Il tutto senza apportare dolore, dovuto alla compressione, al seno delle donne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *