Giovedi 5 maggio il nuovo conto energia: c’è l’accordo

Il Consiglio dei Ministro ha dato l’ok al quarto conto energia 2011 (ultimissima del 5 maggio 2011)
Forse ci siamo.  Secondo le ultimissime notizie sul quarto conto energia 2011 pare che il ministro per l’ambiente Stefania Prestigiacomo e il ministro Paolo Romani abbiano trovato un accordo per sbloccare la situazione del quarto conto energia. Sembra che saranno concessi gli incentivi alla fine dell’effettivo allaccio alla rete elettrica però è stato aggiunto un indennizzo a carico della società elettrica nel caso ci siano ritardi rispetto ai tempi previsti.

In pratica si pagherà a partire dal momento dell’allacciamento all’impianto, come chiedeva Romani, ma i produttori saranno garantiti dalle procedure previste per i normali allacciamenti che sono definite dal Tica (Testo integrato delle connessioni in rete); un codice degli obblighi imposti a Terna e alle società elettriche che prevede tempi ma anche sanzioni in caso di ritardi ingiustificati.

Oltre alla penale verrà così  garantita dall’Autorità per l’Energia anche una cifra di risarcimento che, sempre nel caso di sforamento dei tempi stabiliti imputabile alla società di fornitura elettrica (Terna per l’alta tensione, Enel Distribuzione o altre per la media e bassa tensione), quest’ultima dovrà corrispondere all’azienda danneggiata: l’ammontare sarà pari alla quota di incentivo persa a causa del ritardo. Ciò permetterebbe una maggiore tutela degli investitori e dei cittadini che investiranno nelle rinovabil e questo pare sia stato il nodo chiave per convincere la Prestigiacomo.

Giovedì si riunirà il consiglio dei ministri e si spera di dare l’ok per sbloccare la situazione del mercato del fotovltaico attualmente paralizzato in attesa del quarto conto energia.

1 comment for “Giovedi 5 maggio il nuovo conto energia: c’è l’accordo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *