Fotovoltaico in 3d per un efficienza di conversione maggiore dell’80% rispetto a quelli attuali

E’ un risultato eccezionale a cui sono pervenuti dei ricercatori della Oak Ridge National Laboratory’ guidati da Jun Xu. Il team è riuscito a sviluppare una speciale struttura fotovoltaica capace di incrementare l’efficienza di conversione dell’80% utilizzando una struttura tridimensionale creata appositamente e con una forma similie a dei coni di dimensioni nanometriche. Questi nanoconi sono del tipo drogati-n e sono circondati da semiconduttori drogati-p: in questo modo si ottiene la giunzione pn alla base della conversione fotovoltaica. I nanoconi sono stati realizzati con ossido di zinco mentre il telluriato di cadmio policristallino è stato utilizzato per realizzare il semiconduttore drogato-p, che ha il compito di assorbire fotoni e di fungere da conduttore di lacune. Dai test in laboratorio si è raggiunta una efficienza di conversione della luce pari a circa il 3,2%, contro l’efficienza dell1,8% di una cella solare piana attuale.

inoltre il campo elettrico della nuova cella, garantendo un più facile e veloce trasporto di elettroni, renderebbe la resa dei moduli fotovoltaici ottima anche con “materiali difettosi”, e questo non farebbe che abbassare ulteriormente i costi di produzione producendo meno prodotti di scarto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *