Un microchip per riconoscere ed isolare cellule tumorali

Un progetto italiano, sperimentato nel Laboratorio di Bioscienze dell’Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori, di Mendola, Forlì, potrebbe essere innovativo nel campo della medicina. Infatti pare sia stato sviluppato un microchip capace di individuare ed isolare le cellule tumorali presenti nel sangue periferico o midollare di un paziente. In sostanza un campione di fluido viene iniettato in un microchip ed il sistema individua e seleziona le eventuali cellule tumorali presenti, e le raccoglie ancora perfettamente vitali per poterle studiare. Questo pare sia possibile grazie ad un sistema ottico basato su un microscopio a fluorescenza, che consente la visione direttamente all’oncologo che può avere un’indicazione sull’evoluzione clinica della malattia. Lo strumento è innovativo ed estremamente interessante, ma ancora in fase di sperimentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *