Scoperti neuroni anti ansia: niente più ansiolitici ed effetti collaterali?

Dagli Usa e precisamente dalla Stanford University School of Medicine, arriva una notizia molto interessante dal punto di vsita medico. Sembra infatti che nel cervello sia presete un circuito nascosto in grado di comandare gli stati d’ansia come se fosse un interruttore: inibisce gli stati di ansia quando è acceso e invece li aumenta quando è spento. Il circuito anti-ansia sarebbe nascosto nell’amigdala, il centro nevralgico delle paure. I ricercatori hanno effettuato le loro prove, come sempre, su piccoli topi utilizzando dei flash di luce e i risultati sono stati estremamente convincenti. Questa scoperte potrebbe avere sviluppi molto positivi  e addirittura, se confermata da altri dati sperimentali, rivoluzionare il mercato dei farmaci.

Il team di ricerca è guidato da Karl Deisseroth. Lo studio è stato pubblicato su Nature e sarebbe una vera rivoluzione in quanto ora i farmaci ansiolitici combattono l’ansia inibendo i neuroni ansiogeni e dunque portandosi dietro tutti gli effetti collaterali che ne derivano. Invece con questo nuovo metodo si attiverebbero i neuroni preposti a combattere l’ansia e, si spera, avendo meno effetti collaterali. Seguiranno aggiornamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *