Energia verde con nanocosti

Da recenti statistiche pare che grazie al lavoro di Asia, Europa e America del Nord, tra il 2010 e il 2015 gli investimenti nelle energie rinnovabili andranno a toccare quota 2miliardi di dollari. Questo valore già così alto, potrebbe aumentare se questi paesi continueranno ad investire e a sfruttare le nanotecnologie e le novità offerte dalla ricerca. Le nanotecnologie sono in grado di ridurre i costi delle energie rinnovabili e il dottor Larry Fisher di NextGen, il laboratorio di ABI Research, incentrato sull’incubazione di tecnologie emergenti, ha spiegato: “Impiegare nanomateriali nelle pale delle turbine a vento ad esempio, può renderle più robuste, più leggere e più durevoli, così da farle vivere più a lungo una fase attiva in cui generano energia. L’aggiungere nanomateriali ai processi manifatturieri della costruzione di celle solari, turbine a vento e celle di combustibile, rende tutto più economico e al contempo aumenta l’efficienza nella generazione elettrica. Questi fattori messi assieme dovrebbero convincerci ancora di più sull’opportunità di spostare l’attenzione su sistemi di produzione rinnovabili”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *