Il palladio artificiale potrebbe essere la lega del futuro per l’hi-tech

Il professor Hiroshi Kitagawa della Kyoto University ed il suo team di ricerca, hanno sviluppato una nuova lega con proprietà simili a quelle del palladio (Pd), un metallo raro del gruppo del platino, al quale somiglia chimicamente, che viene estratto da minerali come il rame e il nichel, per essere utilizzato poi nell’industria come catalizzatore oppure adoperato nei computer, telefoni cellulari, TV a schermo piatto, strumenti odontoiatrici, fuel cell e catalizzatori per automobili.

Il nuovo materiale è stato sviluppato grazie all’utilizzo delle nanotecnologie, in modo tale da combinare rodio e argento e dar vita ad un composto che ha proprietà simili al palladio. La nuova lega, è ottenuta tramite una nanotecnologia per nebulizzare il rodio e l’argento, che vengono poi mescolati, gradualmente, con alcool riscaldato. I due metalli si combinano stabilmente a livello atomico a formare delle piccole particelle di 10 nanometri di diametro. Il materiale appena scoperto apre nuovi scenari per il futuro dell’hi-tech e della ricerca di nuovi materiali.

1 comment for “Il palladio artificiale potrebbe essere la lega del futuro per l’hi-tech

  1. Pingback: My Blog Title

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *