Snowball Earh, trovate tracce che spiegherebbero la prosecuzione della vita sulla Terra dopo le glaciazioni

In Australia sono state trovate da un gruppo di ricerca, i cui studi sono pubblicati sulla rivista Geology, le prove sull’esistenza di sacche di mari e oceani che avrebbero consentito alla vita sul pianeta Terra di non estinguersi durante le glaciazioni. Sulla catena montuosa Flinders Ranges sono state trovate delle rocce risalenti al periodo Cryogeniano, intorno a 700 milioni di anni fa, nell’epoca della presunta “Snowball Earth”, la cui natura svela la possibilità che si siano formate sotto mari turbolenti.

Il termine Snowball Earth, “Terra a palla di neve” fa riferimento ad un’ipotesi scientifica secondo la quale, la superficie della Terra fu quasi completamente ricoperta di ghiaccio verso la fine del Proterozoico. I sostenitori di questa teoria, affermano che l’ipotesi spiegherebbe meglio di ogni altra la presenza di depositi sedimentari, generalmente ritenuti di origine glaciale, alle latitudini tropicali, oltre ad altre enigmatiche caratteristiche presenti nelle registrazioni geologiche. Ma se è veramente esistita una fase in cui la Terra, in preda a questa fortissima glaciazione, è diventata una sorta di cosmica palla di neve, oggi sappiamo che nonostante il pianeta fosse completamente congelato dovettero comunque restare delle sacche di mari e oceani che hanno consentito alla vita sul pianeta di non estinguersi.

Il dottor Dan Le Heron della Royal Holloway University of London, che ha guidato la ricerca ha spiegato che per la prima volta, abbiamo la prova evidente che in quel periodo il fondo marino era interessato da tempeste, e ciò significa che dobbiamo aver avuto delle sacche, delle oasi rimaste libere dal ghiaccio. Le pietre arenarie infatti, si formano grazie alla sedimentazione sotto l’influsso delle onde marine e queste ‘oasi marine’ spiegherebbero come alcuni microrganismi siano sopravvissuti al periodo Cryogeniano e che successivamente abbiano continuato a crescere, svilupparsi e diversificarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *