Cogenra Solar realizza la cogenerazione solare (fotovoltaico e termico insieme)

L’azienda americana Cogenra Solar ha deciso di combinare le due tecnologie solari (fotovoltaico e termico) nei suoi nuovi pannelli solari ibridi, aumentando la quantità totale di energia che può essere catturata dal sole. E’ un sistema a dir poco intelligente e, se dovesse funzionare bene, potrebbe essere la tecnologia solare per le case del futuro. I moduli fotovoltaici convertono in elettricità solo una piccola porzione della radiazione solare il resto (in percentuale tra l’85 e il 94viene perso sotto forma di calore.
I pannelli ibridi riescono a recuperare una buona parte di questa energia termica migliorando  contemporaneamente il rendimento della produzione elettrica.

Il funzionamento lo spiega l’azienda stessa: “La cogenerazione solare cattura questo calore residuo e lo trasforma in reale valore: acqua calda. Questa soluzione cogenerativa ha il vantaggio di raffreddare i componenti del pannello fotovoltaico, che amplifica la generazione elettrica del sistema”.

In pratica, la cogenerazione solare (generazione di energia termica ed elettrica) riduce drasticamente gli sprechi, producendo maggiore elettricità e di conseguenza portando ad ulteriori risparmi.

La tecnologia inventata da Cogenra Solar cattura fino all’80% di energia proveniente dal sole e produce cinque volte in più energia rispetto ai tradizionali sistemi fotovoltaici. Per ottenere questi evidenti guadagni di efficienza l’azienda integra avanzate celle fotovoltaiche di silicio con un innovativo sistema di trasferimento termico a basso costo.

Il cogeneratore fotovoltaico solare comprende infatti una stretta lunga serie di celle fotovoltaiche che catturano l’energia solare e la concentrano verso il basso come con un gioco di specchi. Sopra il pannello solare è presente il tubo che trasporta il liquido per ricavare il calore solare usato in acqua calda. I pannelli montati a terra-generano abbastanza calore mentre ruotano sul loro inseguitori per seguire il sole. In questo modo il sistema potrebbe fornire elettricità, acqua calda e raffreddamento, allo stesso tempo, riducendo notevolmente la domanda di energia della California.

La Khosla Ventures ha investito 10,5 milioni dollari (circa 7,7 milioni di euro) nel progetto perché ritiene che la tecnologia sia molto conveniente, che è esattamente ciò di cui c’è bisogno per competere nel mercato dell’energia. Finora Cogenra ha installato soltanto un impianto solare ibrido in California, ma visti i buoni risultati non è escluso che il progetto possa essere ampliato. Attualmente esso è in grado di produrre 50 kilowatt di energia elettrica e l’equivalente di 222 kilowatt di energia termica, non male per essere ancora sperimentale.

Un altro dato molto interessate è che nei pannelli ibridi il collettore termico raffredda i moduli fotovoltaici migliorandone in modo significativo il rendimento elettrico perché si sa che ad alte temperature il modulo fotovoltaico tradizionale ha un calo di rendimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *