E’ cinese il supercomputer più potente e veloce al mondo

Si chiama Tianhe-1A, vanta una potenza di elaborazione di calcolo pari a 2.5 petaflop e si prepara a ricevere l’attestato come sistema più potente al mondo. Tianhe-1A occupa un’intera stanzona al Supercomputing Center di Tianjin in cina e grazie ai suoi “muscoli ipertrofici” alza sulla panca qualcosa come 2.507 petaflop, tanto è stato calcolato al benchmark LINPACK.
Tianhe-1A è composto da 7.168 schede grafiche Nvidia Tesla M2050 con GPU Fermi (448 stream processor), governato da 14.336 CPU Intel Xeon per262TeraByte di memoria e archiviazione 2 petabyte sostenuti e organizzati dal file system open source Lustre.

Il sistema operativo utilizzato è Linux che è stato preferito a Microsoft Windows HPC. Quello che non è stato ancora rivelato riguarda la parte più interessante di tutta la struttura, ossia il sistema di interconnessione tra i vari nodi, che è stato definiti semplicemente come“proprietario”. Per interconnettere quest’infinità di componenti e reggere la potenza è stata creata una rete proprietaria apposita. L’importanza di questi supercalcolatori è presto spiegata: la loro potenza infatti è in grado di risolvere problemi fondamentali per interessi nazionali in settori quali la difesa, l’energia, la finanza e la scienza; si tratta quindi di macchine necessarie a concorrere al progresso e allo sviluppo di interi Paesi, capaci anche di misurarne dunque il grado di avanguardia e di stabilirne le basi per il futuro economico. Intanto supercomputer potrebbero emulare la mente umana nel 2030, per ora si accontentano di emulare quella di un gatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *