La Porsche ibrida ha battuto in una gara l’auto a benzina

La notizia arriva dall’Estremo Oriente, dove la ibrida Porsche 997 GT3 R Hybrid la scorsa domenica è stata impegnata in una gara della prima edizione dell’Intercontinental Le Mans Cup: ha battuto le concorrenti alimentate a benzina. La gara Endurance sulla distanza di 1000 chilometri si è corsa a Zhuhai in Cina e la nuova Porsche 997 GT3 R Hybrid, la super sportiva ecologica in stile 911, si è piazzata sesta in classifica generale, battendo le automobili di categoria GT2 equipaggiate con motore a scoppio.
Questa è la prima coupé con motore ibrido che è nata per la pista: un concentrato di innovazione e tecnologia, con motore boxer a benzina da 480 cavalli. Usa un sistema di propulsione “misto” (ancora non previsto nei regolamenti GT), che si compone del classico 6 cilindri flat a benzina di 4 litri montato sul retrotreno, e di due motori elettrici da 60 kw ciascuno (per un totale di circa 82 cv), applicati alle ruote anteriori. Mancano le consuete batterie, sostituite da un volano collocato al posto del sedile del passeggero che fornisce energia alla coppia di motori elettrici collegati all’asse anteriore.

Il volano riceve l’energia sprigionata durante la frenata, accumulandola sotto forma di rotazione e trasferendola ai due propulsori elettrici. La potenza aggiuntiva è disponibile per intervalli di tempo tra i 6 e gli 8 secondi, utili in fase di sorpasso o accelerando in uscita di curva.
Seguono due video che spiegano meglio come è fatta questa super macchina:

Durante la gara cinese la Porsche GT3 Hybrid è stata pilotata da Joerg Bergmeister e Patrick Long ed è risultata la GT3 più veloce che ha gareggiato sul circuito asiatico: ha battutto le “normali” GT2 911, le Ferrari e le sportive BMW che correvano per il titolo. La nuova Porsche ibrida infatti ha elargito due giri a ciascun concorrente: ha coperto la distanza del percorso effettuando un pit stop in meno rispetto agli avversari, anche della categoria superiore.

La propulsione ibrida può essere utilizzata anche nell’ottica di ridurre i consumi, permettendo di limitare le soste ai box o l’impiego di un serbatoio carburante più piccolo e conseguentemente più leggero. Questo aspetto risulta importante nelle gare di durata ma potrebbe essere sfruttato in futuro anche per le Porsche stradali, potendo garantire non solo maggiore potenza ma anche consumi ed emissioni inquinanti più bassi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *